Metropolis by Ben Wilson
Metropolis by Ben Wilson

Metropolis

Storia della città, la più grande invenzione della specie umana
by Ben Wilson

Translated by Fabio Galimberti, Paola Marangon
(*)(*)(*)(*)( )(1)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Dalla mitica Uruk alla skyline di New York, dalle poleis greche al caos di Lagos: una storia naturale della città e dei mille modi in cui ci ha plasmato.

Metropolis è la storia naturale del paesaggio urbano che ci ha accompagnato nei secoli e che nel 2050 ospiterà due terzi dell’umanità; è il racconto del modo in cui le città ci hanno plasmato e al tempo stesso di come noi le abbiamo rese nostre attraverso la musica, il cibo, il tempo libero, l’incessante chiacchiericcio della vita di strada o l’ozioso piacere del flâneur. È la storia della nostra storia.

Che cos’è una città? È un luogo fisico fatto di strade, edifici e quartieri? Oppure è un’idea, un’invenzione rivoluzionaria che, da quando siamo diventati una specie stanziale, è un po’ il nostro marchio di fabbrica su tutto il pianeta?

Le città raccontate da Ben Wilson non sono nomi sparpagliati su una mappa o negli annali, ma organismi vivi e pulsanti che nascono, crescono, muoiono e risorgono; organismi il cui tessuto connettivo è costituito dalle attività, dai conflitti e dalle aspirazioni dei loro abitanti. Sono i primi insediamenti della Mezzaluna fertile dove dimorano insieme uomini e divinità, come a Uruk, resa immortale dall’Epopea di Gilgameš. Sono le piazze delle poleis greche e i mercati di Baghdad, dove si mescolano persone di ogni classe e viaggiatori di terre lontane, insieme a conoscenze e merci di ogni genere. Sono città magnifiche ma pericolose come Babilonia, diventata (un po’ ingiustamente) simbolo di tutti i piaceri e di tutte le tentazioni della vita urbana; o come New York, sotto la cui skyline l’individuo rischia di scomparire, inghiottito dall’anonimia della folla. Sono i porti della Lega anseatica, di Lisbona e di Malacca, che dominano i mari e fanno la storia del commercio mondiale. Sono gli inferni industriali di Manchester e Chicago, in cui gli operai vivono in condizioni spaventose, ma dove si gettano le basi per movimenti sindacali rivoluzionari. Sono le macerie fumanti di Varsavia, di Tokyo e di tutti i luoghi cancellati dalla guerra e poi rinati. Sono gli agglomerati di sobborghi americani che si irradiano da un centro sempre più vuoto. Sono le ambizioni degli urbanisti che vedono in una diversa forma di pianificazione la cura per le nostre società. Sono il caos disorganizzato, vibrante e creativo delle nuove megalopoli come Lagos.
Community Stats

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Are willing to exchange it

About this Edition

Language

Italian

Publisher

Publication Date

Jul 8, 2021

Format

Hardcover

Number of Pages

560

ISBN

8842830070

ISBN-13

9788842830078