Minima viralia. La solitudine non solitaria di un antropologo in quarantena by Massimo Canevacci
Minima viralia. La solitudine non solitaria di un antropologo in quarantena by Massimo Canevacci

Minima viralia. La solitudine non solitaria di un antropologo in quarantena

by Massimo Canevacci
( )( )( )( )( )(0)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
"La mia giornata tipo: mi alzo verso le 7.30, bicchier d’acqua a digiuno, caffè solo, mail, lettura di quattro giornali online, colazione caffellatte pane e marmellata, kiwi, ordino casa, Facebook (litigo con Agamben e Joker), letture varie (Odissea, Calypso), musica varia (la 2 di Mahler), ginnastica, occhiata su Netflix, disegno, scrivo sul block notes (poco), mi cucino pasta e pomodoro, qualche telefonata, chat, wapp, pennichella, gioco a palletta, lettura (Kongo, Kazari), jazz blues 7 per una solitudine non solitaria anni Quaranta-Cinquanta, due episodi Netflix (The Sinner), yogurt e biscotti, rilettura rapida dei giornali, mail, Odissea (i Feaci), dormicchio, Facebook, wapp, iphone, agretti e fontina per cena, Montalbano o due Netflix, a letto con Odissea (poche righe). 23.30."
Community Stats
0

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Are willing to exchange it

About this Edition

Language

Italian

Publisher

Publication Date

Jul 21, 2020

Format

Paperback

Number of Pages

120

ISBN

8899700443

ISBN-13

9788899700447