Mio fratello rincorre i dinosauri
by Giacomo Mazzariol
(*)(*)(*)(*)(*)(1,479)
Hai cinque anni, due sorelle e desidereresti tanto un fratellino per fare con lui giochi da maschio. Una sera i tuoi genitori ti annunciano che lo avrai, questo fratello, e che sarà speciale. Tu sei felicissimo: speciale, per te, vuol dire "supereroe". Gli scegli pure il nome: Giovanni. Poi lui nasce, e a poco a poco capisci che sì, è diverso dagli altri, ma i superpoteri non li ha. Alla fine scopri la parola Down, e il tuo entusiasmo si trasforma in rifiuto, addirittura in vergogna. Dovrai attraversare l'adolescenza per accorgerti che la tua idea iniziale non era così sbagliata. Lasciarti travolgere dalla vitalità di Giovanni per concludere che forse, un supereroe, lui lo è davvero. E che in ogni caso è il tuo migliore amico. Con "Mio fratello rincorre i dinosauri" Giacomo Mazzariol ha scritto un romanzo di formazione in cui non ha avuto bisogno di inventare nulla. Un libro che stupisce, commuove, diverte e fa riflettere.

FilippoThePower's Review

FilippoThePowerFilippoThePower wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
Commento Libro:
Il libro m’è piaciuto molto perché spiega una storia favolosa. Il protagonista è un ragazzo chiamato Giacomo con un fratellino di nome Giovanni, con la sindrome di Il rapporto tra questi due fratelli é molto speciale perché mi ha aiutato a capire che non tutte le persone sono fortunate però non bisogna giudicare e non si deve smettere di divertirsi e vedere la bellezza di chi è diverso da te.
Mi ha aiutato anche molto a capire come sono diverse le persone nei loro comportamenti, se decidono di essere gentili e generose o di tirare fuori la loro parte peggiore per prendere in giro la persone che hanno problemi.
Questo libro è diventato uno dei miei preferiti; è incredibile pensare che l’autore, quando ha scritto questo libro aveva 19 anni..... mi meraviglia un sacco,
perché è impossibile per me pensare di scrivere un libro così curato a 19 anni.
frase preferita: “Ma il tempo è così: il tempo è un bastardo. Ti fa gli agguati, rallenta quando vorresti vederlo correre, corre quando vorresti fermarlo.”