Nonostante tutto ti amo ancora
by Samantha Towle
(*)(*)(*)(*)( )(64)
Mia Monroe sta scappando. Da una persona che le ha fatto del male. Da un passato che vuole tenere nascosto. Non ha più fiducia nel futuro.
Jordan Matthews ama le cose facili. Le donne facili. La vita facile. Poi incontra Mia. Lei è a pezzi e ha sulle spalle il peso più grande che una persona possa sostenere. Ma più Jordan conosce Mia, più si ritrova, per la prima volta nella sua vita, a volere con tutto se stesso qualcosa… qualcuno… lei. E allora la vita non è più così facile. Jordan è tutto ciò che Mia non dovrebbe volere. Un ragazzo poco raccomandabile, arrogante, con un passato da giocatore d’azzardo e un presente da cinico donnaiolo. Eppure Mia se ne innamora. E allora il passato da cui cercava di fuggire sembra raggiungerla…

All Reviews

16
DianaDiana wrote a review
00
VeronicaVeronica wrote a review
01
(*)(*)( )( )( )
Spoiler Alert
Dopo una serie di letture soddisfacenti sapevo che sarebbe arrivata una delusione… ma non pensavo su questo libro!
Aspettiamo ormai da anni la pubblicazione di The Mighty Storm in Italia e per darci un piccolo antipasto sul tipo di scrittura di Samantha Towle, ci hanno propinato Trouble.
Sì, lo chiamo così, perché mi rifiuto di usare quel titolo assurdo… e poi quella copertina che cosa è?
Quel tizio dovrebbe essere il super figo di turno? No per carità!

Vabbè, tralasciando questo passiamo al libro.

I protagonisti sono Mia, Jordan e… l’uccello di Jordan! Se avesse il dono della parola, sicuramente ci sarebbe stato un POV anche per lui. La prima parte del libro è davvero imbarazzante! Quando penso a dei POV maschili mi vengono in mente quelli di Drew Evans della Tangled Series di Emma Chase. Questi di Jordan sono grezzi e rozzi. Per dare un’idea ecco alcune perle di ”saggezza

Ciò di cui ho bisogno è allontanarmi da Mia per qualche ora, infilare l’uccello in qualche tipa, e tornerò me stesso in men che non si dica. Devo scopare fuori Mia dalla mia mente.

Il mio uccello pulsa. Credo stia morendo si sete. Ha bisogno di immergersi nella fontana di Mia.

“Se ne vuoi parlare, io sono qui” Mi crescerà la vagina, se continuo in questo modo.

Ho perso la verginità della colazione con te.

Flirtare mi viene naturale, come per Dozer annusare culi.

Non sono mai stato tanto eccitato quanto in questo momento. Ho l’uccello così duro che potrei piantarci i chiodi.


E poi puff come per magia, ha una folgorazione e cambia! Si innamora e diventa un bravo ragazzo.

Ecco la cosa fondamentale che non mi ha convinta per niente! Le tempistiche! Né di Jordan, ma soprattutto di Mia!

Mia ha avuto un padre violento e dopo la sua morte, si mette insieme al primo ragazzo, Forbes, che incontra in un bar, altro violento. Dopo averlo sorpreso a fare sesso con un’altra decide finalmente di mollarlo: non dopo le innumerevoli percosse, ma al primo tradimento scoperto! Riesce a salvarsi anche da un tentativo di stupro, salta in un auto e va alla ricerca della madre. All’arrivo in Colorado, appena vede Jordan, la prima cosa che pensa è quanto è figo e che vuole farselo? Ma no dai, non è possibile! Poi ci finisce a letto, è super innamorata, scopre che la madre che l’ha abbandonata ha cresciuto Jordan e non lei, litiga con Jordan, crisi di bulimia (perché ha anche questo), altro tentativo di stupro di Forbes… il tutto in quanto? 10 giorni a voler essere buona.

Jordan diventa un angioletto appena conosce Mia, peccato che giusto qualche ora prima si stava facendo una nelle camere dell’hotel che gestisce insieme al padre.
Per non farci mancare niente dagli innumerevoli drammoni, ecco che Jordan oltre ad essere un put*******, ha un passato di giocatore d’azzardo, la madre biologica è morta dandolo alla luce, la donna che lo ha cresciuto (oltre ad essere la madre di Mia) è morta di cancro lasciandolo allo sbando, il padre ha perso il posto nella polizia per vendicarlo dopo una rissa, l’hotel naviga in cattive acque perché i soldi sono stati usati per ripagare i debiti di gioco di Jordan….
Cosa manca? Forse solo un affare di droga e poi eravamo a posto!

Questo libro è un gran minestrone, con una moltitudine di ingredienti buttati a casaccio…

Allora perché 2 stelline?
Mah, ho letto di peggio, e spero che questo sia solo un inciampo…
Endimione BirchesEndimione Birches wrote a review
00
(*)( )( )( )( )
Nonostante tutto ... l'ho finito!
No, no, no ...
Animasemplice CAnimasemplice C wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
00
(*)(*)(*)( )( )
da leggere
Mia corre, fugge, una macchina la porta lontano da dove tutto è nato, da dove i ricordi più che inseguirla la minacciano, mani che la cercano, l'afferrano e lei cade in un oblio che spera prima o poi finisca.
Jordan, bello, attraente, intrigante, tremendamente sexy, ovunque vada non c'è scampo per chi l'osserva, inevitabilmente cade fra le sue braccia.
Mia e Jordan due anime in cerca di un qualcosa che arriva solo quando i loro occhi si incrociano e tutto potrebbe cambiare se...
Questo romanzo ha un inizio che non sempre vorresti leggere, che da donna a donna speri di non dover mai trovarti nella stessa situazione di Mia, è un romanzo che leggi perché speri che tutto possa cambiare, che senti il finale vicino e sai che non sarà come è cominciato.
Nonostante tutto ti amo ancora ha una trama insolita, diversa, ci si aspetta un classico new adult, ma mano a mano che ci si addentra all'interno della storia, troviamo situazioni molto contemporanee, storie che ascoltiamo ripetutamente in tv, a volte lasciandocele scivolare perché non nostre, quando però le storie dalla tv cominci a leggerle, due sono le cose da fare o chiudi il libro e vai oltre o impari a trascorrere del tempo con le emozioni cercando di viverle a pieno. E' un romanzo intenso, una storia che si legge velocemente, che apprezzi senza grandi pretese, e l'amore tra i due protagonisti è dolce ma al tempo stesso risente di un passato che li coinvolge nonostante tutto!
labibliotecadellibraio.blogspot.it/2016/02/trame-e-opinioni-nonostante-tutto-ti.html
01
(*)( )( )( )( )
Brutto, brutto e brutto!!!
Se vi capita di adocchiare questo libro e di incuriosirvi, fate prima a lasciarlo dov'è. Il romanzo di Samantha Towle affronta quel filone che va tanto di moda ultimamente, nel quale i personaggi hanno vissuto qualsiasi situazione drammatica vi possa mai venire in mente ed è un libro che vi sconsiglio assolutamente, a meno che non vogliate farvi due risate, ma partiamo dall'inizio.

Mia Monroe è una ragazza poco più che 20enne, che vive con un padre che la picchia e punisce in continuazione. La storia inizia quando lui muore, così che la nostra protagonista è finalmente "libera", invece che succede? Va in un bar e il primo che le parla diventa il suo primo ragazzo (ragazza mia, usa un attimo la testa!!).
Peccato per lei che Forbes (il fantastico nome del suo fidanzato) sia persino peggiore del padre. Mia nel frattempo scopre che la madre che pensava morta dandola alla luce, in realtà ha firmato un documento nel quale la lascia in custodia al padre, quindi è viva! Decide allora di parlarne con Forbes, che becca in flagranza di tradimento (vi risparmio i dettagli!). Il bastardo non solo la tradisce, ma addirittura la insegue a casa sua e cerca di stuprarla (in effetti lo stupro mancava al quadretto!) e lei riesce a scappare, decidendo di cercare la madre.
Mia, dopo aver dormito per alcuni giorni, strada facendo, in alcuni motel, arriva in un posto (del quale ho già dimenticato il nome) e si ferma alla tavola calda, chiedendo alla cameriera un hotel dove può alloggiare. Beth, la cameriera, la indirizza all'hotel di un amico, che si scoprirà essere un adone bellissimo, muscoloso, alto, virile e... udite, udite! Un incommensurabile idiota che ragiona con un organo che sta parecchio più in basso del cervello.

Da quel momento la lettura diventa ridicola, non saprei come altro descriverla.
L'autrice inserisce i capitoli con il pov di lui e sono qualcosa di terribile, demenziale, con situazioni che sfociano nella parodia del bellimbusto bello ma idiota, peccato solo che l'autrice crede sul serio che quello che scrive è figo (faccetta urlante vieni a me), ovvero scene in cui il protagonista maschile, Jordan, non fa altro che descrivere il culo (per non dire di peggio) della protagonista, pensare come e dove potersi fare la ragazza e facendo in continuazione ragionamenti insulsi e da decerebrato! Ci alcune scene che sono delle chicche, perché l'autrice pensa sul serio di scrivere delle frasi ad effetto del tipo "Jordan è un duro!!!", quando in realtà sono assolutamente prive di senso per non parlare di quanto siano stupide e volgari, ripeto inutilmente ed eccessivamente volgari.
Inoltre, se la Towle pensa che sia in grado di scrivere dal pov maschile si sbaglia di grosso: a malapena sa scrivere una storia di questo tipo (e non è un complimento!), figuriamoci la parte di un personaggio maschile! Talmente il libro è pieno di perle di saggezza che ho dovuto segnarmene alcune, come queste.

....la recensione, per motivi di spoiler, continua sul blog a questo link:
geekybookers.blogspot.it/2016/02/recensione-nonostante-tutto-ti-amo.html