Nova SF* 42
by Alfred Elton Van Vogt, Clifford D. Simak, Forrest J. Ackerman, Giovanna Cecchini, H. L. Gold, Manly Wade Wellman, Raymond F. Jones, Raymond Z. Gallun, Ross Rocklynne
(*)(*)(*)( )( )(2)

Indice:p. 19 - Magia d'acqua di H. L. GOLD

p. 59 - Narciso di Raymond F. JONES

p. 89 - Fuga nell'infinito di Ross ROCKLYNNE

p. 113 - Il cratere delle chimere di Raymond Z. GALLUN

p. 133 - Il morbo della fame di Clifford D. SIMAK

p. 167 - Pithecantropus Rejectus di Ma

... More

Barlow's Review

BarlowBarlow wrote a review
01
(*)(*)(*)( )( )
Manly Wade dove gli altri mancano

Antologia mediocre nonostante i tanti nomi eccellenti; per me "eccellente" non ha nulla a che vedere con "altisonante". Autori che stimo molto non danno lo spin a questo numero; mi riferisco ai vari: Simak, Gallun, C.L. Moore, Gold; autori bravissimi qui con opere deludenti.

Un'attenzione particolare la meritano però due racconti da 4 stelle minimo: "Narciso" di Raymond F. Jones & "Pithecantropus Rejectus" di Manly Wade Wellman... Soprattutto quest'ultimo.

In ordine a articoli e presentazioni, devo dire che stavolta non sono per niente d'accordo col giudizio poco lusinghiero che Ugo Malaguti riserva a Manly Wade Wellman definendolo un asso nelle intuizioni creative ma scarso di talento. Al contrario, Manly è un ottimo autore sia per intuizioni che per capacità letterarie, ma, al contrario di altri colleghi, egli ha una cifra letteraria scarna ed estremamente efficace fino a un romanticismo che trovo adorabile. Basti un titolo su tutti: il romanzo "Due volte nel tempo" (Galassia n° 5, 1961), nel quale l'autore dà pure ampia prova delle sue (volendoci fidare della traduzione) non indifferenti doti poetiche.


Comunque un volume che nonostante il duo Jones & Wellman non va oltre le tre stelle.