Occhiacci di legno by Carlo Ginzburg
Occhiacci di legno by Carlo Ginzburg

Occhiacci di legno

Nove riflessioni sulla distanza
by Carlo Ginzburg
(*)(*)(*)(*)( )(34)
4Reviews0Quotations0Notes
Description
"Tutto il mondo è paese non vuol dire che tutto è uguale: vuol dire che tutti siamo spaesati rispetto a qualcosa e a qualcuno." Il libro indaga, da punti di vista diversi, le potenzialità cognitive e morali, costruttive e distruttive dello spaesamento e della distanza. Perché una lunga tradizione ha attribuito allo sguardo dell'estraneo - del selvaggio, del contadino, dell'animale - la capacità di svelare le menzogne della società? Perché la riflessione sul mito serve a distanziare la realtà, mentre il mito è spesso uno strumento politico per controllare gli ignari? Perché nel Medioevo, durante i funerali dei re di Francia e d'Inghilterra, veniva portato in processione un fantoccio detto "rappresentazione"? Perché il cristianesimo fece propria la proibizione mosaica delle immagini ma favorì da un certo momento in poi la diffusione di immagini devozionali? Perché lo stile è stato usato, a seconda dei casi, per includere o escludere ciò che è culturalmente diverso? Perché ricorriamo così spesso a metafore visive come "prospettiva" o "punto di vista"? Uccidereste un mandarino cinese sconosciuto se vi venisse offerta una grossa somma?

Community Stats

Have it in their library

Are reading it right now

Is willing to exchange it

Genres
About this Edition

Language

Italian

Publication Date

Jan 1, 2011

Format

Paperback

Number of Pages

256

ISBN

8807722801

ISBN-13

9788807722806