Parlateci di Bibbiano
by Giuseppina De Lorenzo
(*)(*)(*)(*)( )(1)
Il contenuto di tale libro ha lo scopo di ricordare le tragiche vicende di Bibbiano. Non ha nessuno scopo politico e non verrà usato a tali scopi. Il testo ha l'obiettivo di raccontare gli avvenimenti così riportati toccando vari decreti, le parole dei movimenti politici e di movimenti che hanno anc... More

All Reviews

1
Fraghi88Fraghi88 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Recensione
Citazione
I bambini sono un bene dell’umanità. Nessuno tocchi i bambini e i loro genitori. Un genitore che ama il proprio figlio deve essere rispettato, tutelato. Nessuno abbia paura dei mostri del mondo. Nessuno ha diritto di togliere l’infanzia ai bambini o ai figli ai legittimi genitori. Almeno, di fronte ai bambini, non mettiamo al primo posto i soldi.

RECENSIONE
Un’autrice che ha “fegato” da vendere, dico “fegato” perché ci vuole più che coraggio a scrivere libri per “denunciare” o anche solo far riflettere su argomenti importanti come questo. Anche i suoi precedenti libri sono tosti e importanti, ma “Parlateci di Bibbiano” per l’essenzialità del suo argomento supera tutti! Una copertina d’effetto, ma non violenta, anzi decanta la tenerezza dell’argomento centrale, l’innocenza dei bambini, la loro bellezza affiancata da un dolce peluche. L’infanzia, quel momento intoccabile, il periodo di vita più bello ed eccelso. Un bambino deve essere inviolabile, cosa che il caso di Bibbiano ha reso totalmente impura, ha reso sporca quella bellezza che deve restare immacolata nella sua meraviglia. L’autrice si pone in maniera delicata senza parlare a vanvera, ma essendo documentata sui fatti, non giudica, non scrive con superba enfasi, ma incede con innata delicatezza con passo lieve nel voler ricordare, rimembrare, far conoscere a tutti le vicende del comune di Bibbiano (e di altre province di Reggio Emilia). A chi conosce tutta la storia, a chi era poco informato, a chi con indifferenza non ha neanche letto un articolo sulla vicenda. Il libro ha lo scopo di far riflettere, di far pensare senza tirare troppo la corda, senza colpevolizzare nessuno, è una testimonianza storica senza prese di parte, senza idee politiche, ma risulta una cronistoria informata passando per i diversi decreti, attraverso i messaggi di vari partiti politici e di movimenti o associazioni politiche che si sono disinteressati, fra cui le Sardine. Come si fa a restare indifferenti a qualcosa di così ingiusto e deplorevole, che tocca per di più anime fragili e innocenti come i bambini? E la voce delle associazioni infantili quando mai si risveglierà per difendere e proteggere i più piccoli?
Tutto ha inizio a causa delle numerose denunce dei servizi sociali contro genitori accusati di aver maltrattato i loro figli. Gli investigatori, insospettiti, hanno voluto approfondire la questione. Dalle indagini, è emerso che psicologi e assistenti sociali volevano lucrare approfittando dell’affidamento dei bambini: una volta manipolati mentalmente (con tecniche a dir poco terribili), venivano affidati ad altre famiglie, le quali avrebbero incassato il contributo economico. Gli psicologi, invece, avrebbero guadagnato grazie alle sedute di terapia.
Insomma la vicenda di Bibbiano resterà nella storia e questo libro pure, testimoniando e denunciando con la sua riflessione l’argomento di poveri bambini tolti ai loro genitori per esser parcheggiati a famiglie affidatarie, solo per pur interesse economico dei loro aguzzini! I cosiddetti demoni che guadagnano abusando dell’innocenza infantile e dietro alla lunga vicenda, di cui si sentirà ancora parlare ancora per molto, ci sono sindaci arrestati, volti più o meno noti a livello pubblico che si danno la responsabilità a scaricabarile, psicoterapeuti accusati di frode processuale e abuso d’ufficio e chi più ne ha più ne metta… Si parla persino di abusi sessuali e di satanismo. Insomma una vera e propria rete illecita nella gestione dei minori! Un libro quindi da leggere e conservare nella nostra libreria, ma soprattutto nella nostra memoria.


Francesca Ghiribelli