Parle-moi d'amour
by Vanna Vinci
(*)(*)(*)(*)( )(18)
Un'affascinante galleria di ritratti, in immagini e parole, di leggendarie protagoniste della belle époque.

«Un viaggio nel tempo, affettuoso come una chiacchierata tra amiche e avventuroso come la vita di una cortigiana nella Parigi della Bella Époque. Anzi, di sette cortigiane. Vorrete bene a ciascuna di loro» - Chiara Severgnini, la Lettura

«A intervistare queste donne è una brillante versione a fumetti della stessa Vinci, maglia a righe, blazer nero, cascata di ricci, auto-incaricatasi di tramandare al lettore usi e costumi delle protagoniste del fumetto e delle loro epoche» - Tiziana Lo Porto, D - la Repubblica

Conversazioni impossibili, eppure vivide e credibili, con seduttrici raffinate, amanti indimenticabili, donne libere.

All Reviews

2
andarerandomandarerandom wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
AlelwingAlelwing wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )

Non sono una grande appassionata di biografie ma non mi perderei nessuna di quelle scritte da Vanna Vinci.

Ho avuto la fortuna di incrociarla per pochi minuti in una fiera del fumetto (come mi mancano!) in cui scambiammo due chiacchiere sulle sue opere e qualche indiscrezione su Enrico Rava.

Le storie che la Vinci racconta non sono mai banali: ha una fascinazione quasi punk per le donne scandalose, dalla mente lucida ed intraprendente, libere e – per questa ragione – scomode.

Parle Moi d’Amour è letteralmente una raccolta di vite esemplari di grandi puttane, persone eccezionali per motivi diversi da quelli che si potrebbero facilmente immaginare.

Si tratta spesso di “vite fiammifero”: partono in maniera ruvida, dolorosa, bruciano rapide - ma luminosissime!

Il volume si compone di tante piccole “fanta-interviste” in cui è proprio Vanna Vinci ad incontrare queste donne e a dar loro voce. I capitoli si consumano uno dopo l’altro, come voluttuosi bon bon.

L’autrice non dà pareri, giudizi né ricette.

Sta al lettore decidere se fermarsi in superficie, godendosi le avventure roboanti di donne di cui, di fatto, non si parla quasi mai seppure abbiano lasciato un’impronta importante nella storia, nella letteratura e nelle vite di uomini stranamente ben più noti oppure fare un passo in più, e riflettere su quale sia veramente il filo rosso che collega le vite di queste prostitute.

Impossibile non intuire un lavoro di ricerca quasi maniacale che traspare negli interni, negli abiti finanche nelle posture che i personaggi assumono nelle vignette.

Una lettura a cui vi consiglio di esporvi per farvi ispirare, sorridere e riflettere!