Pellegrinaggio vietato
by Clifford D. Simak
(*)(*)(*)(*)( )(47)
In una società in cui tutti i dubbi vengono autorevolmente risolti dall'Alto, il giovane Mark Cornwall ha la pericolosa abitudine di cercarsi le sue risposte da solo. Per fortuna un simpatico Essere Demoniaco lo aiuta a liberarsi dall'odioso monaco Oswald. Ma chi lo aiuterà contro le insidie di Beck... More

All Reviews

8
Lutezio492Lutezio492 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
Simak è il mio autore preferito di SF dopo Clarke, ma la SF di Simak è giusto l' opposto. Simak è stato definito da qualcuno come lo scrittore di SF dotato di un suo poetico "senso del meraviglioso" ed infatti, quasi tutte le sue opere sono intrise di una profonda nostalgia per la sue infanzia trascorsa nelle campagne del Wisconsin in cui spesso sono ambientate le sue storie più belle ed è un vero peccato che la sua opera non sia tradotta integralmente in italiano. In questo romanzo di Urania, come il solito pesantemente riassunto, purtroppo, troviamo tuttavia, non una storia di SF classica, bensì di "Heroic Fantasy". Di Simak vi troviamo comunque suoi personaggi caratteristici, quali il robot "Secchio di latta". A differenza di altri autori, i robot di Simak sono perlopiù amichevoli e questo ne è un esempio classico che, infatti, gioca con "Coon" il procione mentre altri personaggi di questa storia sono gnomi, elfi e fate. Il romanzo in questione non sembra, comunque, una delle opere migliori di S.; forse a causa dei brutali tagli operati dai curatori della collana a quei tempi, il romanzo è in alcuni punti slegato. Poi, per la presenza, nella storia, di esseri chiamati "Demoni" o per la citazione di una "Bestia del caos" sembra che S. si sia fatto un po' influenzare da Lovecraft. Il fatto infine che non vi siano citati i panorami agresti e boscosi del Wisconsin, contribuisce a definirla un' opera di S. anomala. Merita di essere letta come omaggio alla straordinaria fantasia di questo grande della SF americana degli anni d' oro.