Per addestrarti
by Chiara Cilli
(*)(*)(*)(*)(*)(14)

All Reviews

3
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Quarto romanzo della serie Blood Bonds, tutto incentrato su André, il piccolo Lamaze che ha ricevuto dal padre, e i suoi amici depravati, solo violenza fisica. In questo libro Henri è ancora devastato e depresso per aver dovuto rinunciare ad Aleksandra, lo si vede poco ma ogni volta che André ha bisogno, è presente. Armand invece inizia a preoccuparsi per come si stanno evolvendo le cose, nel senso che Henri è chiuso in camera sua, perso nel suo dolore e nella sua rabbia, mentre André inizia a perdersi, nonostante si opponga, in un sentimento sconosciuto che sta nascendo nei confronti di Nadyia, la piccola prigioniera rossa. Lei è riuscita a perforare la corazza di gelo che André ha creato, lo vede per quello che è realmente e non per quello che mostra a tutti, e per questo è pericolosa per lui. Purtroppo questo sentimento li mette in pericolo con la Regina, perché Nadyia è destinata a lei, e tutto quello che è suo, deve essere intoccabile.

«Battile», mi disse sottovoce, «e sarò tuo.»
Il mio cuore sobbalzò.
Mio.
Mio.
Mio da conoscere.
Mio da toccare.
Mio da conquistare.
Mio da manipolare per riacquistare la libertà.

Quindi i nostri fanciulli devono smettere di amarsi... ma come fare? Come nascondere un sentimento così forte, anche se nato dalla voglia di scappare? Neela sospetta qualcosa, ha visto come si guardano e li mette alla prova, purtroppo falliscono. André decide, per il bene di entrambi, di allontanarsi, così va a dirle addio ma la passione li divora.

Che diavolo mi stava succedendo?
Per anni avevo avuto a che fare con donne e ragazze dalla bellezza singolare, ma non le avevo mai viste realmente.
Invece Nadyia la guardavo, in ogni momento.
La vedevo, sempre.
Non era ammissibile, non più.

Quando André esce dalla sua camera, viene fermato da Ekaterina, questo personaggio non ho ancora capito se mi piace o se deve essere messo al rogo, e portato dalla Regina. Nello stesso momento, al suo cospetto, arriva anche Nadyia, che viene legata a un palo nuda, e la punizione di André per aver toccato ciò che non doveva sarà atroce per lui. Lui cerca di infliggere meno danni possibili, ricorda purtroppo il suo passato, ma alla Regina non basta, vuole il sangue e raddoppia la dose e André deve obbedire. Appena finito se ne va, distrutto.
Nel frattempo Armand ha recuperato notizie su uno degli amici del padre che più di tutti amava picchiare André, dà il fascicolo al fratellino che legge tutto e parte per andare in ricognizione a casa dello schifoso. Arrivato alla villa, mentre gironzola per le stanze della casa, André entra nella camera del figlio, dove vede una foto del ragazzo con una ragazza e gli si gela il sangue... Chi sarà la ragazza? Io un dubbio ce l'ho, e secondo me sarà una mazzata grossa.
In questo libro non ci sono toni dark, il romanzo è più incentrato sul sentimento che nasce tra André e Nadyia, e di come viene contrastato dal giovane Lamaze perché ha paura di amarla per i vari motivi elencati prima - oltre ad avere paura di amare, secondo me, a causa del trattamento ricevuto dal padre, colui che avrebbe dovuto amarlo e proteggerlo (e qui mi sorge sempre il dubbio, ma mamma Lamaze?... tremo). Dall'altra parte Nadyia, che all'inizio vuole sfruttare l'attrazione di André per scappare e riavere la sua vita, s’innamora davvero, ed è ancora più atroce perché deve rinunciarci...
Riusciranno André e Nadyia ad avere un finale in coppia? Oppure anche loro sono destinati ad amarsi da lontano? La vendetta dei Lamaze continua verso i carnefici, ma perché continuano il lavoro del padre, quando loro stessi sono stati delle vittime? Serve alla loro vendetta?
Complimenti a Chiara, anche in questo libro è riuscita a mantenere la curiosità di cosa è successo nel passato e di cosa succederà nel futuro, io ho tante ipotesi e prevedo ancora tanto dolore per i nostri protagonisti.
01
(*)(*)(*)(*)(*)
ChanelbooksChanelbooks wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)