Pesca al salmone nello Yemen
by Paul Torday
(*)(*)(*)(*)( )(817)
Alfred Jones, un oscuro e timido ittiologo londinese che lavora per l’ente statale di tutela della pesca, viene incaricato da un ricchissimo sceicco yemenita di collaborare al progetto di introdurre il salmone tra le aride montagne dello Yemen. Alfred, consapevole dell’ assurdità del progetto in que... More

Ciccioenri's Review

CiccioenriCiccioenri wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
I 'miei' titoli strani..
Non è un brutto libro. Non è scoppiettante, secondo me, come promettono le notizie della quarta di copertina e i vari commenti di autorevoli scrittori/scrittrici. L'ironia tanto annunciata, a mio parere risulta stemperata. Di bello ha la struttura composita: scambi di mail; diario personale; stralci di interrogatori, ecc. I personaggi possono sembrare un po' stereotipati, ma questo loro stato non stona nell'economia della vicenda. Spicca di sicuro tra tutti la figura dello sceicco che insegue fortemente questo suo folle progetto, ma si fa tetragono basandosi su alcune massime di Einstein (che non rivelo per non spoilerare troppo.
Gli altri personaggi sono abbastanza comprimari: la moglie del protagonista si ritaglia uno spazio decisamente di rilievo rispetto ad altre figure.
Un altro dettaglio importante è che il libro non risulta assolutamente prevedibile in nessuna delle sue sfaccettature. Insomma, complessivamente mi sbilancio in una frase fatta: senza infamia e senza lode.
Osservando i miei titoli in libreria, mi accorgo di avere una certa inclinazione per i titoli un po' curiosi: in quest'anno, devo dire, la lettura di questi non mi ha particolarmente entusiasmato. Lo stato d'animo, alla conclusione, non è tanto di dispiacere, quanto il sentire che lo sforzo per arrivare all'acquisto del libro (lo ammetto: ho aspettato di trovarlo con un costo che fosse irrisorio), non è stato pari alla soddisfazione di aver assorbito una bella trama.
Mi informerò sul film, di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza prima di venire in possesso del volume
CiccioenriCiccioenri wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
I 'miei' titoli strani..
Non è un brutto libro. Non è scoppiettante, secondo me, come promettono le notizie della quarta di copertina e i vari commenti di autorevoli scrittori/scrittrici. L'ironia tanto annunciata, a mio parere risulta stemperata. Di bello ha la struttura composita: scambi di mail; diario personale; stralci di interrogatori, ecc. I personaggi possono sembrare un po' stereotipati, ma questo loro stato non stona nell'economia della vicenda. Spicca di sicuro tra tutti la figura dello sceicco che insegue fortemente questo suo folle progetto, ma si fa tetragono basandosi su alcune massime di Einstein (che non rivelo per non spoilerare troppo.
Gli altri personaggi sono abbastanza comprimari: la moglie del protagonista si ritaglia uno spazio decisamente di rilievo rispetto ad altre figure.
Un altro dettaglio importante è che il libro non risulta assolutamente prevedibile in nessuna delle sue sfaccettature. Insomma, complessivamente mi sbilancio in una frase fatta: senza infamia e senza lode.
Osservando i miei titoli in libreria, mi accorgo di avere una certa inclinazione per i titoli un po' curiosi: in quest'anno, devo dire, la lettura di questi non mi ha particolarmente entusiasmato. Lo stato d'animo, alla conclusione, non è tanto di dispiacere, quanto il sentire che lo sforzo per arrivare all'acquisto del libro (lo ammetto: ho aspettato di trovarlo con un costo che fosse irrisorio), non è stato pari alla soddisfazione di aver assorbito una bella trama.
Mi informerò sul film, di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza prima di venire in possesso del volume