Petrademone - 1. Il libro delle porte
by Manlio Castagna
(*)(*)(*)(*)( )(63)

Quando arriva a Petrademone, la tenuta fra i monti in cui gli zii allevano border collie, Frida ha perso entrambi i genitori ed è chiusa in un bozzolo di dolore. Ma in quello che potrebbe essere il posto ideale dove guarire le ferite dell'anima, Frida avverte un'oscura minaccia. Insieme ai suoi tre

All Reviews

12
Andy dei FioriAndy dei Fiori wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
11
(*)(*)(*)(*)(*)
PiericaPierica wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Gatta_Fra_2406Gatta_Fra_2406 wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Spoiler Alert
Prima di andarsene Barnaba l’aveva abbracciata così forte che lei aveva temuto di spezzarsi. “L’Amore tiene stretti” le aveva detto una volta la mamma, ma lei non ne aveva capito veramente il senso fino a quel momento. (cit. pag. 251)
Frida ha appena perso genitori in un incidente del quale si sente responsabile e viene mandata a Petrademone, la tenuta degli zii, scenario di misteriosi avvenimenti: gli amati border collie di famiglia sono spariti e tutte le notti una strana nebbia avvolge i prati circostanti la casa, portando l'eco di voci inquietanti.
Insieme a tre amici, la ragazza scoprirà l'esistenza di un mondo parallelo e malvagio e di essere la "prescelta" per una missione dalla quale dipenderà il destino dell'umanità intera.
Un romanzo che si legge tutto d'un fiato, avvincente, misterioso, con una forte introspezione dei personaggi; la scrittura leggera e frizzante come una brezza estiva ci accompagna in un mondo fantastico. Attraverso i sogni anche la realtà più difficile da affrontare traspare e prende corpo, attraverso l’avventura, che diventa una tappa indispensabile per la crescita individuale.
Dalle ambientazioni tetre e decadenti ai personaggi intrepidi e profondi, il romanzo si snoda attraverso le tantissime citazioni del Mago di Oz che ben rappresenta l'idea di "viaggio", di percorso lontano da casa che dapprima Frida compie in solitudine e che poi, proprio come Dorothy, si trova ad affrontare accompagnata da improbabili amici verso avventure fantastiche. Tra questi ad accompagnarla i cani, che non sono soltanto un espediente usato dall'autore per articolare la trama, ma fungono da veri e propri aiutanti dei protagonisti nello svolgimento dell’avventura e che suscitano in noi lettori commozione e tenerezza, facendo trasparire un fortissimo amore per gli animali.
Lo stile caratterizzato da molteplici elementi gotici, bui e oscuri è illuminato dalla curiosità e dal coraggio dei giovani protagonisti; gli avvenimenti, mai scontati fino alla fine del romanzo, sono perfettamente concatenati tra loro in modo tale da non permettere al lettore la minima distrazione. Il romanzo ha la capacità di coinvolgerti fin dalla prima pagina, come se il libro delle porte menzionato nel romanzo fosse il libro stesso, tanto che si arriva a domandarci se è il libro la vera porta, quel passaggio che ti permette di evadere dalla realtà per consentirci l’accesso ad un mondo ‘magicamente reale’. L’ordinario si trasforma in straordinario, celebrando la vita e i suoi valori: amicizia e coraggio, ma anche sofferenza e perdita.