Picciridda
by Catena Fiorello
(*)(*)(*)(*)( )(133)
Cosa può mai accadere a una picciridda che nei primi anni Sessanta vive in un minuscolo villaggio di pescatori, Leto, lungo la costa tra Messina e Catania? Può accadere, ad esempio, che i genitori si trovino costretti a emigrare in Germania in cerca di fortuna e che decidano di portare con sé solo il più piccolo dei due figli, affidando "la grande", pur sempre picciridda, alla nonna paterna. È quello che accade a Lucia, l'irriverente protagonista di questo romanzo, che vive la sua condizione di figlia di emigrati sentendosela addosso come un marchio negativo. È consapevole, Lucia, che per lei – e per tutti coloro che non hanno fortuna, che sono "figli della gallina nera" – la necessità implica sacrificio e rinunce. Lo sa bene. Lo dicono tutti. Lo ripete la nonna, così burbera e austera. Ma col passare dei mesi, tra feste di paese e pomeriggi in riva al mare, l'esistenza di Lucia si popola di persone e di affetti: le zitelle Emilia e Nora, la professoressa Aida, la compagna di classe Rita. Ci sono anche gli uomini, misteriosi e taciturni, un mondo da cui stare alla larga (come dice sempre la nonna) o tutto da scoprire (come sente Lucia). E proprio uno di quegli uomini nasconde un terribile segreto a cui Lucia si avvicina sempre più, ignara di ciò a cui andrà incontro…

Penelope48's Review

Penelope48Penelope48 wrote a review
018
(*)(*)(*)(*)(*)
DONNE
storia molto toccante e profondamente vera anche oggi, se pensiamo alla Romania e ai suoi cosiddetti villaggi delle nonne.
Terribile storia di una undicenne che all'inizio degli anni 60 del '900 viene lasciata indietro dai genitori emigranti. Perchè il fratello si e lei no? Continua a chiedersi per tutto un anno. Anno denso di nuovi avvenimenti belli e brutti, come sempre nella vita accade.
Bravissima la Fiorello a descrivere "Il Dolore". Dolore dell'undicenne lasciata indietro, dolore della mamma andata avanti, dolore della nonna che perde così anche l'ultimo figlio rimastogli ma si trova a ricominciare tutto con la nipotina a le affidata. Brava l''autrice a descrive in maniera sublime queste tre donne tanto lontane per età ma così vicine per esperienze e paure, tutte forti e determinate a raggiungere il loro obbiettivo nonostante gli enormi sacrifici e chissà se il tempo sarà sufficiente allo scopo.