Questo è un Gizmo
by Murray Leinster
(*)(*)(*)(*)( )(72)
Fra i romanzi che trattano il tema dell'invasione, questo dell'abilissimo Leinster è al tempo stesso uno dei più semplici e dei più avvincenti. Dall'inizio in sordina, si passa a poco a poco al terrore di massa, in un crescendo di tensione congegnato magistralmente. E questi "gizmo" sibilanti che rotolano sui deserti d'America spingendo davanti a sé nubi di polvere rossa, sono ben degni di figurare nella galleria di creature dello spazio che Urania ha fino ad oggi raccolto.

Contiene

C.G. Cobb - L'uomo che sa tutto sui buchi

All Reviews

11
BarlowBarlow wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Incipit splendido, questo Gizmo!
"Le prime scaramucce della guerra con i Gizmo si svolsero nelle grandi zone desertiche, e gli uomini non se ne accorsero nemmeno.
All'inizio non vennero attaccate le città. Furono gli orsi, le linci, le pecore selvatiche e altre creature del regno animale a sostenere i primi scontri. Furono lotte disperate, eroiche, e si conclusero sempre tragicamente. Di molte non si ebbe mai notizia.
Si seppe però di un orso delle Sierre, caduto dopo un combattimento di proporzioni epiche, come testimoniavano il terreno sconvolto, gli arbusti spezzati, l'erba calpestata tutto attorno. Un puma venne trovato morto nel Colorado, dopo uno scontro altrettanto combattuto. Tracce della lotta disperata sostenuta da una lince furono notate da un guardacaccia nel Michigan settentrionale".

Incipit splendido! E in tutto il romanzo (volutamente breve) Leinster ti fa sentire oltre la paura il deserto con le sue più o meno piccole vite contenute.
Gran bel romanzo oltre ogni possibile, pur acuta, detrazione: 4,5 stellette.

Una precisazione di carattere personale, circa le molte critiche che diversi romanzi (non mi riferisco soltanto a questo, ma colgo l'occasione) ricevono in tema di... "Protagonisti tagliati con l'accetta" o di... "Personaggi stereotipati e poco approfonditi". Risponde forse al vero che alcuni autori non riescono a "fare di più", ma per certi altri può essere una scelta narrativa di realismo. A ben vedere, infatti... Non trovate che molte persone in fondo non siano che esseri stereotipati, monocordi e monotematici, senza spessore; uomini e donne nel corso della loro vita sempre uguali a se stessi? A questo proposito mi viene in mente una certa "Legge di Sturgeon".
Da diversi anni, ogni volta che mi vien da pensare "questo è uno stereotipo", mi riscopro a chiedermi se la mia considerazione non sia per caso dovuta a un modo di pensare per stereotipi.
E ciò molto per esperienze mie personali. E per vissuto.
esnaideresnaider wrote a review
00
e questo è mio cugino...
...si somigliano anche.
ruforufo wrote a review
00
(*)( )( )( )( )