Rapporto di minoranza e altri racconti
by Philip K. Dick
(*)(*)(*)(*)(*)(1,316)
"Rapporto di minoranza e altri racconti" raccoglie cinque storie di Philip K. Dick legate al profondo influsso che l'autore americano ha avuto sul cinema contemporaneo, e costituisce un'introduzione alla sua ricchissima narrativa breve in cui si riversano temi, intuizioni e trame dei successivi romanzi.

All Quotations

5
niccenicce added a quotation
00
«Nelle ultime ore, in ogni modo,» continuò il generale Kaplan «il mandato di arresto è stato revocato. Ma perché? Forse perché l'ex Commissario Anderton si è consegnato spontaneamente? No, non è esatto. Lui è qui. Non si è costituito, ma la Polizia non è più interessata a lui. John Allison Anderton è innocente di ogni crimine del passato, del presente e del futuro. Le accuse mosse contro di lui erano clamorosamente false, distorsioni diaboliche di un sistema penale corrotto basato su una falsa premessa - un vasto macchinario impersonale di distruzione che macinava uomini e donne condannandoli a un destino ineluttabile.»
Affascinato, lo sguardo della folla passò da Kaplan ad Anderton. Tutti conoscevano la situazione.
«Molti uomini sono stati catturati e imprigionati dalla cosiddetta struttura di profilassi Precrimine» continuò il generale Kaplan, mentre la sua voce aumentava di enfasi e di forza. «Accusati non di crimini che hanno commesso, ma di crimini che "commetteranno". Si afferma che questi uomini, se lasciati liberi, commetteranno dei reati in futuro.
«Ma non può esistere alcuna valida conoscenza del futuro. Non appena si ottiene un'informazione precognitiva, questa "si cancella da sé". L'affermazione che quest'uomo commetterà un omicidio è paradossale. Il solo fatto di possedere in anticipo questo dato la rende spuria. In ogni caso, e senza eccezione, il rapporto dei tre precog della Polizia ha invalidato i loro stessi dati di partenza. Anche se non ci fosse stato alcun arresto, non sarebbe stato comunque commesso alcun crimine.»
niccenicce added a quotation
00
«Nelle ultime ore, in ogni modo,» continuò il generale Kaplan «il mandato di arresto è stato revocato. Ma perché? Forse perché l'ex Commissario Anderton si è consegnato spontaneamente? No, non è esatto. Lui è qui. Non si è costituito, ma la Polizia non è più interessata a lui. John Allison Anderton è More
niccenicce added a quotation
00
«Certo che non lo sapeva. Mettiamola così: se Kaplan si impadronisce di quel nastro, la Polizia verrà screditata. Capisci perché? Il nastro dimostrerebbe che il rapporto di maggioranza era un errore. Ed Witwer ha ragione al cento per cento: tu devi essere messo dentro... se vogliamo che la Precrimine sopravviva. Ora stai pensando solo a salvarti, ma pensa al sistema, per un momento.» Sporgendosi, tirò fuori la sigaretta e trafficò nella borsetta cercandone un'altra. «Cos'è più importante per te... la tua salvezza personale oppure la sopravvivenza del sistema?»
«La mia salvezza» rispose Anderton, senza esitare.
«Ne sei sicuro?»
«Se il sistema può sopravvivere soltanto imprigionando degli innocenti, allora merita di essere distrutto. La mia salvezza personale è importante perché io sono un essere umano. E inoltre...»
niccenicce added a quotation
00
«Certo che non lo sapeva. Mettiamola così: se Kaplan si impadronisce di quel nastro, la Polizia verrà screditata. Capisci perché? Il nastro dimostrerebbe che il rapporto di maggioranza era un errore. Ed Witwer ha ragione al cento per cento: tu devi essere messo dentro... se vogliamo che la Precrimine More
niccenicce added a quotation
00
«... Quest'uomo ha sfruttato inizialmente la sua posizione per fuggire» stava dicendo l'annunciatore, con indignazione professionale. «A causa dell'alta carica che ricopriva aveva accesso ai dati delle previsioni, e la fiducia in lui riposta gli ha permesso di evitare il normale processo di individuazione e detenzione. Durante il periodo di servizio ha esercitato la sua autorità per mandare innumerevoli individui potenzialmente colpevoli al confino, risparmiando le vite di vittime innocenti. Quest'uomo, John Allison Anderton, è stato fondamentale per la nascita del sistema Precrimine, la pre-detenzione profilattica dei criminali attraverso l'uso ingegnoso di alcuni precog mutanti, in grado di prevedere gli eventi futuri e di trasferire oralmente i relativi dati a macchine analitiche. Questi tre precog, nella loro funzione vitale...
Il sistema dei tre precog ha la sua genesi nei computer della metà di questo secolo. Come si possono controllare i risultati di un computer elettronico? Fornendo i dati a un secondo computer identico al primo. Ma due computer non sono sufficienti. Se ogni computer arrivasse a una risposta diversa sarebbe impossibile dire a priori quale sarebbe quella corretta. La soluzione, basata su un attento studio di un metodo statistico, è di utilizzare un terzo computer per controllare i risultati dei primi due. In questo modo, si ottiene un cosiddetto rapporto di maggioranza. Si può presumere con buona approssimazione che la concordanza di due computer su tre indichi quale dei due risultati alternativi sia più accurato. E' altamente improbabile che due computer pervengano a due soluzioni identiche ed egualmente sbagliate...
L'unanimità tra tutti e tre i precog è un fenomeno auspicabile ma che si verifica di rado, spiega il Commissario facente funzione Witwer. Si ottiene molto più frequentemente un rapporto di maggioranza redatto in collaborazione da due precog, più un rapporto di minoranza con qualche lieve variante, di solito in riferimento al tempo e al luogo, elaborato dal terzo mutante. Questo lo si spiega di solito con la teoria dei "futuri multipli". Se esistesse un solo sentiero temporale, l'informazione precognitiva non avrebbe alcuna importanza, dal momento che non esisterebbe alcuna possibilità, possedendo questa informazione, di alterare il futuro. Nel lavoro dell'Agenzia Precrimine dobbiamo prima di tutto presumere...»
niccenicce added a quotation
00
«... Quest'uomo ha sfruttato inizialmente la sua posizione per fuggire» stava dicendo l'annunciatore, con indignazione professionale. «A causa dell'alta carica che ricopriva aveva accesso ai dati delle previsioni, e la fiducia in lui riposta gli ha permesso di evitare il normale processo di individuazione More
niccenicce added a quotation
00
Mentre camminavano lungo i corridoi di uffici in piena attività e illuminati di luce gialla, Anderton disse: «Lei conosce la teoria del precrimine, naturalmente. Penso che possiamo darla per scontata.»
«So quello che sanno tutti» replicò Witwer. «Con l'aiuto dei vostri mutanti precog, voi avete coraggiosamente e con successo abolito il sistema punitivo post-crimine fatto di prigioni e sanzioni pecuniarie. Com'è ovvio, la punizione non è mai stata un deterrente, ed è sempre stata di ben poco giovamento a una vittima già morta.»
Erano arrivati all'ascensore. Mentre scendevano velocemente, Anderton disse: «Lei ha probabilmente afferrato qual è il fondamentale difetto della metodologia precrimine dal punto di vista legale. Noi arrestiamo degli individui che non hanno infranto alcuna legge.»
«Ma che sicuramente la violeranno» affermò Witwer con convinzione.
«Per fortuna "non lo faranno"... perché noi li prendiamo prima che possano commettere un'azione violenta. Per cui la perpetrazione del crimine stesso è un qualcosa di assolutamente metafisico. Noi diciamo che sono colpevoli. Loro, d'altro canto, proclamano in eterno la propria innocenza. E in un certo senso "sono" innocenti.»
niccenicce added a quotation
00
Mentre camminavano lungo i corridoi di uffici in piena attività e illuminati di luce gialla, Anderton disse: «Lei conosce la teoria del precrimine, naturalmente. Penso che possiamo darla per scontata.»
«So quello che sanno tutti» replicò Witwer. «Con l'aiuto dei vostri mutanti precog, voi avete coraggiosamente
More
Manuela DelManuela Del added a quotation
00
Vide mele, ciottoli e zebre. Sentì il calore, la tessitura di seta dei vestiti; sentì l'oceano che lo lambiva e un grande vento del Nord che lo afferrava come se volesse trasportarlo da qualche parte. Sarah era tutt'intorno a lui, e anche Danceman. New York risplendeva nella notte, e i razzi gli sfrecciavano accanto e si urtavano attraverso cieli notturni, giornate di sole, inondazioni e siccità. Il burro si sciolse sulla sua lingua, e allo stesso tempo lo assalirono odori e gusti sgradevoli: l'amara presenza di veleni e limoni e fili d'erba estiva. Annegò; cadde; giacque tra le braccia di una donna in un grande letto bianco e allo stesso tempo strepitò insistente alle sue orecchie il segnale d'allarme di un ascensore difettoso in uno degli antichi e diroccati hotel del centro. Io vivo, ho vissuto, non vivrò mai, disse a se stesso, e a questi pensieri si accompagnò ogni parola, ogni suono; gli insetti frinirono e si misero a correre, e Poole sprofondò quasi per intero in un complesso macchinario omeostatico che si trovava da qualche parte nei laboratori della Tri-Plan.
Voleva dire qualcosa a Sarah. Aprendo la bocca cercò di tirar fuori le parole - una specifica sequenza dall'enorme massa di parole che illuminavano di luce brillante la sua mente,ustionandolo con il loro profondo significato.
Gli bruciava la bocca. Si chiese perché.

Irrigidita contro il muro, Sarah Benton aprì gli occhi e vide la voluta di fumo che saliva dalla bocca semiaperta di Poole.
Manuela DelManuela Del added a quotation
00
Vide mele, ciottoli e zebre. Sentì il calore, la tessitura di seta dei vestiti; sentì l'oceano che lo lambiva e un grande vento del Nord che lo afferrava come se volesse trasportarlo da qualche parte. Sarah era tutt'intorno a lui, e anche Danceman. New York risplendeva nella notte, e i razzi gli sfrecciavano More