Sanguina ancora
by Paolo Nori
(*)(*)(*)(*)( )(135)

All Reviews

33
Douglas SpauldingDouglas Spaulding wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
buonino
buonino
SUN50SUN50 wrote a review
137
(*)(*)(*)(*)(*)
“E’ impossibile, secondo me, imparare Dovstoevskij,
non c’è un libro definitivo su Dovstoevskij, tanto meno questo, devo dire, ma ripercorrere la sua vita incredibile, io credo che sia una cosa che si può fare, se no questo libro cosa l’ho scritto a fare?”

Uno scrittore russo, Vasilij Rozanov, descrive Dostoevskij come un arciere nel deserto con una faretra piena di frecce che, se ti colpiscono, esce il sangue. Da qui il titolo del libro.
L’opera, che l’autore definisce un romanzo, ma che credo possa essere collocata nella macro categoria dei saggi, nel settore della critica letteraria, è stata anche vincitrice del Premio Campiello di quest’anno.
Diciamo subito che del suo libro la trama non si può raccontare : la trama non c’è.
E’ tante cose insieme, una biografia di Dostoevskij, un saggio semiserio da appassionato ad appassionati, un entrare nel discorso appena trova uno spiraglio, con fatti della propria vita, senza essere invadente ed in modo apparentemente leggero e piuttosto ironico.
Una gradevole biografia priva di tono accademico, utile per scoprire, riscoprire Dostoevskij ma anche Lermontov, Puskin, Gogol, Turgenev... in quanto viene presa in esame una buona fetta di letteratura contemporanea, precedente e anche successiva.
Lo stile in cui Paolo Nori racconta degli autori della letteratura russa è estremamente colloquiale, un po’ come incontrarsi con un amico e sentirlo parlare della sua passione: la letteratura russa.
Si, mi è piaciuto questo libro che sicuramente moltiplica nel lettore la voglia di leggere e l'interesse per la letteratura russa. Consigliato.
Trenette65Trenette65 wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)( )