Se è così che si muore
by Sara Magnoli
(*)(*)(*)(*)( )(2)
Un volo dal sesto piano di un hotel sul mare e ciò che resta di una splendida modella è un corpo senza vita e un nome. Che però non è il suo. L'inchiesta su quello che sembra solo un incidente diventa presto un'indagine ad alta tensione, dove un terribile traffico di esseri umani si unisce a destini... More

All Reviews

2
CiccioenriCiccioenri wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
Sono rimasto piacevolmente colpito dal libro, per un concorso di motivi.
Mi è sembrato di essere di fronte ad una composizione di azulejos di piccola e media grandezza, accostati a formare un'immagine più articolata.
Parlando di azulejos, ci si riferisce a qualcosa di artigianale, è vero. E allora qualcuno potrebbe dare a questo aggettivo una connotazione negativa pensando a qualcosa che è stato realizzato in modo superficiale. Il termine, in origine, non ha questo significato ma, al di là di qualsivoglia disquisizione, qui va inteso come qualcosa di unico nel suo genere.
“Se è così che si muore” è una trama composta da capitoli di varia dimensione ma tutti caratterizzati da uno stile empatico e trascinante, dovuto forse al fatto che Magnoli nasce come giornalista di cronaca. Non si pensi a quest'opera come ad un insieme di articoli piatti e aridi.
Al contrario, il modo di scrivere di Magnoli fa in modo di venire incontro al lettore perché in ogni capitolo si va subito al punto, si mette subito in evidenza ciò che è al centro di quella specifica circostanza.
Paradossalmente questa tecnica permetterebbe anche di addentrarsi tra le pagine nei ritagli di tempo. Di solito una simile affermazione prelude ad un giudizio tra il freddo ed il tiepido...
Non è il mio caso.
La struttura del romanzo è costruita in modo tale da incuriosire il lettore al punto da trascinarlo nel libro anche per brevi intervalli. E il divertente è che in quegli angusti spazi di tempo la vicenda scorre molto velocemente. Non si tratta quindi di 'prosa furba' per creare un prodotto di facile consumo. Si tratta invece di capacità di creare un legame con chi è interessato alla trama e non tradirlo con soluzioni ovvie e facili.
“Se è così che si muore” è il terzo episodio di una trilogia. Va subito detto che non è assolutamente obbligatorio avere letto le due puntate precedenti: quando necessari, affiorano quei dettagli chiarificatori di altre parti dell'impianto narrativo ma senza creare spoiler.
L'ulteriore coinvolgimento è anche nella rappresentazione dei personaggi. Tra tutti spiccano Lorenza e Luciano, rispettivamente giornalista e vicequestore impegnati insieme ad altri comprimari a risolvere l'intricato caso in cui si imbattono. Lorenza e Luciano se dimostrano professionalità ed ingegno nell'affrontare l'indagine, offrono anche al lettore un lato umano molto concreto che non sempre viene così sviluppato nei romanzi noir.
E a proposito di Lorenza e di chi conosce già questa 'saga', non mancheranno i suoi 'a tu per tu' con il mare ma soprattutto con la sua gatta...