Sentieri di sangue
by Jack Ketchum
(*)(*)(*)(*)( )(17)
Prima edizione italiana, illustrata, del breve romanzo horror/west 'The Crossings' di Jack Ketchum, autentica leggenda dell'horror internazionale.
Sinossi: Arizona, 1848. L’anno in cui si è conclusa la guerra messicana. Nel piccolo Fanny Saloon di Gable’s Ferry il destino fa incontrare il giovane giornalista Marion T. Bell e il quasi leggendario John Charles Hart. Per allontanarlo dal vizio della bottiglia, Hart conduce con sé il ragazzo dall’amico Mother, e insieme si guadagnano da vivere catturando cavalli selvaggi. Fino al giorno in cui i tre, nei pressi delle rive del Colorado, si imbattono in Elena, una giovane donna messicana gravemente ferita che racconta loro di essere stata rapita, stuprata e schiavizzata assieme alla sorella Celine. I colpevoli? Le Hermanas de Lupo, le terribili sorelle Valenzura, e i loro scagnozzi, con la complicità dello spietato disertore Paddy Ryan.
Sono trascorsi secoli da quando gli Antichi Dei del Messico richiedevano sacrifici umani, ma quei tempi sono davvero finiti? Ancora qualcuno innalza preghiere e offre sangue a Tezcatlipoca, dio della luna e della notte?
Inauditi orrori continuano a essere perpetrati fra le mura dell’hacienda in cui le Valenzura portano avanti i loro sporchi traffici. E la sorella di Elena è ancora là, prigioniera…
Traduzione di Nicola Lombardi.
Copertina e illustrazioni interne di Giampaolo Frizzi.

All Reviews

7
NicolaNicola wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )
CorvoRossoCorvoRosso wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
piombo per tutti gli appassionati di western
Ketchum scrive bene e il suo racconto scorre che è una meraviglia. Con pochi tocchi riesce a ricreare un’ambientazione western più che appagante, condendola con personaggi che ricalcano alla perfezione gli stereotipi del genere, senza che questo ce li faccia apparire scontati, anzi dotandoli di tutto quel bagaglio fatto di frasi lapidarie e atteggiamenti spavaldi, capace di renderli memorabili. Come detto il romanzo è breve, poco più di un centinaio di paginette, eppure lo spessore di cui l’autore riesce a dotare le sue creature è eccellente. Una dote non da poco questa e garanzia da sola di rendere piacevole la storia, anche se non fosse accompagnata, com'è da una trama piacevole e funzionale. L’azione, infatti, scorre rapida e non si ha quasi il tempo di rendersi conto che si è già, a malincuore, giunti alla fine. Non manca nulla a questa novella, neppure il classico duello finale. Bello, nulla da ridire. Brutalità e scene crude non vengono certo risparmiate al lettore, ma Signori, questo è il caro e vecchio West, landa per antonomasia dove la legge del più forte è l’unica ad imperare. Si potrebbe aver da ridire sulle motivazioni che spingono il trio di cowboys a imbarcarsi in un avventura dal rischio palese, senza chissà quale contropartita, se non l’onore, ma alla fine che ci importa? Chi viveva in quel tempo, e in quel posto, non poteva certo avere tutte le rotelle al posto giusto, no? Recensione completa su scrittorindipendenti
Mario LongmireMario Longmire wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
John SilverJohn Silver wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )
LudusLudus wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )