Sfera
by Michael Crichton
(*)(*)(*)(*)( )(1,897)
A trecento metri di profondità, su un fondale del Pacifico meridionale, viene individuata un'enomre macchina. Sul luogo è immediatamente convocata un'équipe di scienziati, che è fatta discendere nelle profondità dell'oceano per studiare quella presenza enigmatica: una nave spaziale di dimensioni ina... More

All Reviews

115 + 17 in other languages
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Technothriller fantascientifico, ma soprattutto psicologico
In genere, quando leggo un libro da cui è stato tratto un film, mi piace fare dei confronti, per comprendere le scelte operate per rendere possibile questo tipo di trasposizione, e dare ai personaggi i volti degli attori, mentre vivo la lettura.
In questo caso non ho potuto farlo, poiché non ricordavo assolutamente nulla del film. Pensavo che andando avanti nella lettura la mia memoria si sarebbe risvegliata, e invece no, nulla. Non so se sia dovuto al fatto che il film non mi avesse favorevolmente impressionato (eppure mi pare che mi fosse piaciuto) o alle eccessive differenze tra i due prodotti. Fatto sta, che mi sono ritrovata a leggere questo libro senza sapere nulla della storia e ho potuto quindi godermi tutti i colpi di scena.
Questo romanzo rientra in uno schema tipico di molte opere di successo di Crichton. Al centro c’è un argomento scientifico/tecnologico, in questo caso le condizioni estreme di una base sottomarina cui si aggiunge la “scoperta” fantascientifica (non specifico per evitare spoiler), su cui l’autore ci fornisce numerose informazioni durante tutto il libro. Intorno a esso crea una storia con un protagonista, lo psicologo Norman, e attraverso il suo punto di vista la racconta. Poi aggiunge tutta un’altra serie di personaggi, ognuno con un suo ruolo e delle sue caratteristiche. In questo contesto, l’elemento scientifico/tecnologico appare perfettamente sotto controllo, ma in realtà questo è solo ciò di cui sono falsamente convinti i personaggi. A un certo punto però qualcosa va storto, a ennesima dimostrazione che fare un uso non del tutto considerato della scienza e della tecnologia, spinti dalla curiosità e dal desiderio di scoperta, è sempre un grosso errore. E da quel momento in poi i personaggi iniziano a morire, tranne pochi, che alla fine si salvano.
A tutto ciò, in questo romanzo, si aggiunge il forte elemento psicologico. Sì, perché le risposte che i personaggi stanno cercando non sono nell’oggetto della loro ricerca, ma dentro di loro. E “Sfera” non è altro che il viaggio psicologico di Norman, che da uomo normale in una situazione eccezionale tira fuori il peggio e il meglio di sé.
Il tutto si svolge tenendo il lettore attaccato alle pagine e costringendolo a continuare a leggere un libro che ha una struttura tutt’altro che tradizionale (non ci sono capitoli numerati, ma una serie di scene senza soluzione di continuità, di tanto in tanto intervallate da un titolo), fino ad arrivare al finale, che, se ci pensiamo bene, è l’unico possibile per una storia del genere.
* Silvia* Silvia wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Ogni tanto sento il bisogno di leggermi qualcosa di "claustrofobico", un romanzo d'azione senza troppe pretese impegnate in cui i protagonisti sono costretti ad una convivenza/scontro forzato in un piccolo spazio "sicuro" in condizioni estreme, con un pericolo incombente che tenta (e spesso riesce) di eliminarli tutti uno alla volta.
In questi casi, in un modo o nell'altro, finisco quasi sempre per tornare su Sfera, perché nonostante tutte le mie ricerche ho trovato pochi romanzi claustrofobici come uno ambientato in fondo agli abissi oceanici. E poi io amo il mare e i contesti sottomarini.
Certo, ad una terza rilettura il tutto inizia a perdere mordente: la tensione è stemperata dalla trama già nota ed iniziano ad affiorare tutte le grinze che, ad una prima lettura, erano passate inosservate o erano state perdonate; i personaggi e i loro difetti si fanno decisamente più irritanti e si inizia a rimpiangere il mancato approfondimento di alcuni punti che la prima volta non erano nemmeno stati notati, trascinati dal vortice degli eventi.
Dovessi dare una nuova valutazione adesso, probabilmente non arriverebbe più a 4 stelle, ma comunque l'ambientazione resta adorabilmente ansiogena e il susseguirsi di attacchi e scene d'azione fa il suo sporco lavoro di puro intrattenimento nonostante tutto.
Fate un 7,5 su 10, per rendere giustizia anche al modo in cui mi aveva preso la prima volta.
... e comunque le quattro righe finali resteranno sempre una scarica di adrenalina assurda.

P.S.
Se qualcuno sa suggerirmi qualche altro romanzo "caustrofobico"/di azione di questo genere, avrà la mia eterna gratitudine.