Shanghai Baby
by Zhou Weihui
(*)(*)(*)(*)( )(848)
Nella Cina del liberismo più sfrenato e di un'opprimente dittatura, la storiadi Coco, cameriera di un bar di Shanghai, che sogna di diventare scrittrice e ama al tempo stesso Tiantian, un giovane eroinomane e impotente, e Mark, un uomo d'affari tedesco. Un romanzo fortemente erotico che descrive le inquietudini, la rabbia e le ultime speranze di una generazione che vive come se non esistesse un domani.

All Reviews

79 + 22 in other languages
FrahorusFrahorus wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
RobyGrangerRobyGranger wrote a review
02
(*)(*)(*)( )( )
Libro scandalo in Cina per riferimenti espliciti al sesso. Pornografia, insomma.
Secondo me, però, questa pornografia non è quella del sesso (le scene ci sono, ma niente di così sconvolgente), bensì quella dell'insoddisfazione, solitudine e malinconia di una generazione che, a quanto pare, è uguale in tutto il mondo.
Ambientato nella Cina della fine degli anni '90, in realtà poteva essere ambientato in qualsiasi altro paese occidentale, segno che il male della mia generazione è lo stesso da più di dieci anni ed è diffuso come un virus mortale.
Coco, la protagonista, è una ragazza eccessivamente sicura di sé (non fa che ripetere quanto sia bella, intelligente, acuta, bellissima, sessualmente appetibile ecc), ma allo stesso tempo è perennemente insoddisfatta per qualcosa. Oltre che essere una ninfomane cronica, Coco ha questa mania-autodistruttiva (propria di molte donne) che io chiamo "sindrome da crocerossina): il suo fidanzato Tantian, infatti, non riesce ad avere un rapporto completo con lei, è autolesionista, "emo", depresso, triste e passivo in tutto. Una vera piaga, ma Coco lo ama. Non così tanto però da rinunciare al suo amante dio-del-sesso Mark.
I personaggi li ho odiati profondamente, ma allo stesso tempo capisco che, essendo un'autobiografia, tutti loro sono complessi e contradditori come gli esseri umani reali, non quelli letterari.
La storia è di una tristezza infinita, l'autrice descrive molto bene le emozioni, però manca quel qualcosa che mi fa dire: <<Bellissimo libro>>. No, non è bellissimo, ma è comunque piacevole.
MilaMila wrote a review
01
(*)(*)( )( )( )
Igor CampoliIgor Campoli wrote a review
00
(*)(*)( )( )( )