Alessandro's Review

AlessandroAlessandro wrote a review
00
(*)( )( )( )( )
Tempo fa, dopo aver visto il bel film con Brad Pit, mi misi a leggere Sette anni in Tibet. Un libro di 200 pagine circa in cui l’autore descrive la sua incredibile esperienza. Un libro scritto da un alpinista ben consapevole di non essere uno scrittore. Un libro che mi ha raccontato in maniera onesta, con una scrittura monotona e a tratti noiosa, un posto in cui pochi non Tibetani hanno avuto accesso. L’autore mi ha raccontato la sua esperienza di viaggio, e anche se si arriva a fine lettura con fatica se ne esce con l’idea di aver letto una storia vera e sincera.
L’autore di Shantaram, a mio avviso,avrebbe dovuto seguire quella pista e limitarsi a raccontarmi la sua, non ne dubito, fantastica esperienza. Nonostate la dicitura “romanzo” in copertina ho avuto la sensazione che l’autore volesse spacciarmi per vere e accadute tutte le cose raccontate dal libro. Il protagonista, che è bravo in tutto, simpatico a tutti è la rappresentazione in inchiostro dell’autore. Leggendolo ho avuto l’impressione di avere tra le mani un opera di onanismo letterario, uno strumento di magnificazione e glorificazione dell’autore a beneficio del mondo. Niente di male, se almeno fosse scritto decentemete. Cosi non è... mi sono quindi ritrovato a pag 200 chiedendomi perchè andare avanti. Perchè leggere per 1000 e passa pagine un romanzo, quindi opera di fantasia, scritto in questo modo. Se leggo un romanzo deve essere scritto bene... o siam forse tutti romanzieri?
AlessandroAlessandro wrote a review
00
(*)( )( )( )( )