Silenzi e complotti
by Deanna Raybourn
(*)(*)(*)(*)( )(43)
Londra, 1889 - Un bottone dorato è l'unico indizio concreto che Julia e Nicholas Brisbane hanno in mano per scovare l'assassino di Madame Séraphine, sedicente medium morta per avvelenamento proprio sotto i loro occhi. Chi aveva interesse a ucciderla? Un cliente deluso dalle sue mistificazioni? Oppure la mite, scialba Agathe, stanca di vivere nell'ombra della bella e spregiudicata sorella? O addirittura Bellmont, il fratello maggiore di Julia, politico bacchettone che con Séraphine si era concesso una compromettente scappatella? Tra le complicazioni create dalla bizzarra famiglia March, dagli altrettanto bizzarri domestici e dai parenti gitani di Nicholas, qualcuno attenta alla vita di Julia e, per risolvere lo spinoso caso, Brisbane dovrà affidarsi non solo alla scienza e al suo acume investigativo, ma anche alla curiosità e all'intuito femminile della sua incontenibile moglie. Una storia drammatica e appassionante, pervasa da una sottile vena di humour.

All Reviews

12 + 2 in other languages
01
(*)(*)(*)(*)( )
Ed eccoci alla “conclusione”. Che tristezza.
Ok, definirla conclusione è incorretto, dato che ci sarebbero altri romanzi dedicati a Julia e a Brisbane, ma ormai dubito fortemente che li vedremo qui in Italia. Per cui accontentiamoci di questi cinque irreverenti, romantici e misteriosi libri che insieme formano una serie con il botto.
Se dovessi dare un voto complessivo, darei un bel cinque. Merita, davvero. Questa serie è una continua sorpresa, riesce sempre ad appassionare e a far scappare non poche risate grazie a quei pazzoidi dei March.
Ah, mi mancheranno davvero.
Inoltre, lo stile della Raybourn è impeccabile, evocativo e per nulla scialbo. Ognuno dei suoi personaggi ha un carattere studiato e ben equilibrato nell’insieme. Le sue ambientazioni sono ricche di dettagli e l’atmosfera che si respira è sempre diversa e avvolgente.
Non dimentichiamo poi che non è volgare. A mio avviso non ho sentito la mancanza di scene descrittive dei passatempi della vita matrimoniale perché, come ogni buon romanzo che si rispetti, si concentra sulla cosa più importante: la trama.
In questo romanzo vediamo finalmente Julia e Brisbane lavorare come colleghi, nonostante quest’ultimo abbia ancora non poche riserve.
Il caso del giorno è quello di aiutare Bellmont e scoprire chi ha assassinato la sua amante, prima che la sua carriera politica venga rovinata dallo scandalo. Ovviamente, le cose non andranno come previsto e qualcuno punterà la giovane coppia.
Grazie a questo, finalmente conosceremo più nel dettaglio la famiglia di Brisbane, che con sé porta una ventata di aria fresca e antiche tradizioni. E non solo, sapremo come ha iniziato il lavoro d’investigatore e soprattutto chi lo ha iniziato.
Il che devo dire è stata una sorpresa.
Per quanto riguarda Julia, si rivela San Francesco: ogni animale con cui entra in contatto l’adora fin dal primo istante. Altro che super poteri. Inoltre, si dimesticherà con la fotografia e la chimica, sviluppando ben presto un’insana abilità nello far saltare in aria le cose. Compresa se stessa tra un po'.
Nell’insieme l’indagine è stata divertente, piena di colpi di scena e nuovi personaggi da aggiungere all’album degli squilibrati.
Purtroppo la fine è stata un po' triste e sbrigativa, ma si sa: finché c’è vita c’è speranza.
Consigliato a tutti!
AntoAnto wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)