Sostiene Pereira
by Antonio Tabucchi
(*)(*)(*)(*)(*)(11,652)
"Tabucchi è convinto che è arrivato il tempo in cui dobbiamo chiedere anche alla letteratura di dire la verità: non la verità metafisica e del cuore, ma proprio la verità degli uomini, quella della loro condizione storica, dei pericoli che stanno correndo, degli assassini di cui sono autori e vittime."
(Angelo Guglielmi)

All Reviews

1016 + 84 in other languages
MauriziaMaurizia wrote a review
39
(*)(*)(*)(*)(*)
"Questa città puzza di morte tutta l'Europa puzza di morte"
Una prosa che "sostiene" il ritmo del raccontare di un intellettuale, di un giornalista ormai avanti negli anni e che sempre pensa alla morte.  "Quel bel giorno d'estate, con la brezza atlantica che accarezzava le cime degli alberi e il sole che splendeva, e con una città che scintillava, letteralmente scintillava sotto la sua finestra, e un azzurro, un azzurro mai visto, sostiene Pereira, di un nitore che quasi feriva gli occhi, lui si mise a pensare alla morte. Perché? Questo a Pereira è impossibile dirlo" La sua vita privata non ha alcun risvolto reale, parla con la moglie morta e, nella sua professione, non pensa che a scrivere necrologi, vuole essere pronto a scriverli per quando figure di spicco verranno a mancare affinché non succeda come per Pirandello la cui morte trovò tutti impreparati. Sostiene Pereira, e questo ritornello coinvolge il lettore, che "la limitazione della nostra esistenza mediante la morte è decisiva per la comprensione e la valutazione della vita". Così Pereira si muove in una "città ed in una Europa che puzza di morte" eppure sembra estraneo alla barbarie delle dittature e all'ombra nera che presto incupirà, travolgendola, tutta l'Europa. Intorno alla figura di Pereira aleggia uno spirito sottile di straniamento che sembra mettere una distanza tra sé e il mondo da cui si lascia coinvolgere in modo lieve e dimostrando una grande disponibilità per chi lotta in prima persona, sebbene non li capisca, mettendo a rischio la vita. Solo quando sperimenterà la morte da vicino, allora il suo atteggiamento cambierà. Con una sorta di improvvisa illuminazione capirà quanto potere può avere l'informazione e quanto forza può avere per difendere ed aiutare una giusta causa. Improvvisamente tutto sembra riacquistare un senso. Appunto, "la morte è decisiva per la comprensione della vita" sostiene Pereira.
IncipitmaniaIncipitmania wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)(*)
Alfredo Animale UmanoAlfredo Animale Umano wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)(*)