Storia di un ruscello
by Élisée Reclus
(*)(*)(*)(*)( )(13)
Questa storia di un corso d'acqua, scritta nel 1869 da un geografo non convenzionale che anticipa idee come la biodiversità, viene inizialmente pubblicata dalla casa editrice Hetzel nella medesima collana di libri per ragazzi del contemporaneo Jules Verne, nei cui romanzi non a caso si ritrovano spe... More

All Quotations

3
SidnerSidner added a quotation
00
Steso su un tappeto di muschio, fra due radici che mi servono da appoggio, contemplo con ammirazione quegli alti argini, quelle gole, quelle conche, quei gradini e l'oscura volta di foglie che mi racconta con tanta eloquenza l'opera grandiosa della goccia d'acqua.
SidnerSidner added a quotation
00
Steso su un tappeto di muschio, fra due radici che mi servono da appoggio, contemplo con ammirazione quegli alti argini, quelle gole, quelle conche, quei gradini e l'oscura volta di foglie che mi racconta con tanta eloquenza l'opera grandiosa della goccia d'acqua.
SidnerSidner added a quotation
00
Gli orientali, quando sognano la felicità, si immaginano sempre in riva all'acqua corrente, e i loro canti celebrano soprattutto la bellezza delle fonti. Mentre nella nostra Europa irrigua ci si presenta borghesemente chiedendo notizie sulla salute o gli affari, gli oromo dell'Africa centrale dicono con un inchino: "Hai trovato l'acqua?".
SidnerSidner added a quotation
00
Gli orientali, quando sognano la felicità, si immaginano sempre in riva all'acqua corrente, e i loro canti celebrano soprattutto la bellezza delle fonti. Mentre nella nostra Europa irrigua ci si presenta borghesemente chiedendo notizie sulla salute o gli affari, gli oromo dell'Africa centrale dicono... More
SidnerSidner added a quotation
00
Nessuna ricostruzione, per bella che sia, può essere veritiera perché non può riprodurre la vita del paesaggio, la caduta dell'acqua, il tremolio delle foglie, il canto degli uccelli, il profumo dei fiori, le forme cangianti delle nubi: per conoscere è necessario vedere.
SidnerSidner added a quotation
00
Nessuna ricostruzione, per bella che sia, può essere veritiera perché non può riprodurre la vita del paesaggio, la caduta dell'acqua, il tremolio delle foglie, il canto degli uccelli, il profumo dei fiori, le forme cangianti delle nubi: per conoscere è necessario vedere.