Tempo assassino
by Michel Bussi
(*)(*)(*)(*)( )(273)
Estate 1989. Corsica, penisola della Revellata, tra mare e montagna. Una strada che segue la costa a precipizio sul mare, un'auto che corre troppo veloce... e sprofonda nel vuoto. Una sola sopravvissuta: Clotilde, quindici anni... I genitori e il fratello sono morti sotto i suoi occhi. Estate 2016. Clotilde

All Reviews

50
kaiserkaiser wrote a review
01
(*)(*)( )( )( )
00
Porciani FrancoPorciani Franco wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Georgiana1792Georgiana1792 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Sono un po' indecisa se assegnare a questo libro quattro o cinque stelline, perché in effetti la trama era complessa e interessante e la soluzione del mistero è piena di colpi di scena. Tuttavia... c'è qualcosa che non mi convince, in effetti. A parte le descrizioni meravigliose dei paesaggi della Corsica (non bisogna mai dimenticare che Bussi insegna geografia e sa come far vivere un paesaggio nei suoi romanzi, tanto da farlo diventare quasi sempre coprotagonista), non ho molto apprezzato l'aver voluto descrivere certe cerchie di persone come una forma di associazione mafiosa dell'isola, in cui Cassanu Idrissi, il nonno della protagonista, è signorotto indiscusso e detta legge. Magari sarà pure così, ma ho avuto un'impressione di superficialità da parte di Bussi, che - forse - fornisce un'immagine distorta della realtà. Bisognerebbe chiedere a un corso se è possibile, ma a me è sembrata una patacca.
Un'altra cosa che non mi ha convinto è come mai Clotilde - che non è mai voluta tornare in Corsica per il dolore di rivedere i luoghi in cui tutta la sua famiglia ha perso la vita - abbia deciso di farlo ventisette anni dopo, cioè esattamente quando sua figlia Valentine ha quindici anni, ovvero la sua età in quell'estate fatale.
Mi è piaciuta molto, invece, la psicologia di Clotilde, la ragazza comunque carina che appartiene alla generazione saltata dalla linea ereditaria di bellezze mozzafiato. Il suo rapporto con il suo aspetto fisico sfocia in una gelosia nei confronti prima della madre e di Maria Chiara, la bella italiana che tutti i ragazzi vorrebbero farsi, e poi addirittura della sua stessa figlia.
CileCile wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )