Un futuro all'antica
by Bruce Sterling
(*)(*)(*)(*)( )(112)
Pubblicato nel 1999, "Un futuro all'antica" presenta sette testi, tra cui due vincitori del prestigioso premio Hugo: ambientate nella metà del ventunesimo secolo, queste storie rinnovano le tematiche della fantascienza sociologica degli anni Cinquanta, introducendo riflessioni sull'eccesso dell'uso della tecnologia o sugli effetti liberatori dell'informazione globale. Tra agenti segreti, rivoluzionari, samurai della strada, questi racconti presentano un mondo che è il figlio diretto dei trend culturali e sociologici della società contemporanea: un "futuro all'antica" che sta già diventando l'attuale presente.

All Reviews

10
ruforufo wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Gio VencatoGio Vencato wrote a review
00
enri?enri? wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Ther0Ther0 wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
Spoiler Alert
Un futuro all'antica è una raccolta di racconti di cui i primi quattro condividono qualche dettaglio del precedente.
Il network, illustrato egregiamente nella sua infinita complessità, del primo racconto farà da sfondo all'avventura di "Deep Eddy" durante il Wende a Düsseldorf.
Deep Eddy stesso farà da sfondo per un riparatore abusivo di biciclette il quale, a causa di un increscioso problema causato da un malinteso, richiederà l'aiuto di un abile "City Spider" che sarà uno dei due protagonisti del quarto racconto della "saga".

Si prosegue con un racconti di "gelatine" (Meduse, Ctenofori) e di grandi ambizioni da parte di un erede di petrolieri alle prime armi ed un eccentrico matematico attratto dagli uomini più grandi di lui.

"Lo sciacallo più piccolo", più che puramente cyberpunk, lo definirei un racconto di realtà alternativa postmoderna che racconta la storia di un gruppo parecchio eterogeneo di persone legate, in un modo o nell'altro, alla Russia, all'Organizatsiya, alla guerra dei Balcani degli anni '90, ad una band metal di ragazze nipponiche ed ad una vecchia abitante di alcune isole del mar Baltico che ha passato la vita a disegnare di "Froofy".

Il libro si chiude con un salto di 50 anni nel futuro. Un futuro devastato dalla BSE (Morbo della mucca pazza), il cui protagonista è un attempato regista di Bollywood impegnato nel tentativo di creare un capolavoro cinematografico.

Il libro nel suo complesso risulta di facile lettura anche se, da amante del cyberpunk "old style", ho trovato più gradevoli i primi quattro racconti piuttosto che i conclusivi.

l'uomo nerol'uomo nero wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )