Un Natale di Maigret
by Georges Simenon
(*)(*)(*)(*)( )(189)
«Nessuno ammazza un poveraccio, che diamine! Oppure li si ammazza in serie, si fa una guerra o una rivoluzione. E se capita che un poveraccio si ammazzi con le proprie mani, non lo fa certo con una carabina ad aria compressa mentre si sta massaggiando i piedi. «Se almeno Tremblet avesse avuto un nome straniero, invece di essere banalmente del Cantal! Si sarebbe potuto supporre che appartenesse a chissà quale società segreta del suo Paese... «Insomma, quel Tremblet non aveva affatto le caratteristiche di uno che muore assassinato! Ed era proprio questo a rendere tutto più angosciante: l'appartamento, la moglie, i ragazzini, il marito in camicia e quel proiettile che aveva fatto psst...».

All Reviews

21 + 1 in other languages
Storione SaggioStorione Saggio wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)(*)
Bellissimi racconti
storionesaggio.iobloggo.com/2419/un-natale-di-maigret-e-altri-racconti-ottimo

Raccolta degli ultimi tre racconti con il commissario Maigret scritti da Simenon; ciascuno dei racconti è stato eccezionale ed ha trasmesso un entusiasmo ed un trasporto per le vicende narrate che solo un genio come Simenon era in grado di fare.
Si inizia con “Nessuno ammazza un poveraccio”, ove il commissario deve indagare su uno stranissimo omicidio, commesso ai danni di un uomo ordinarissimo e con una vita anche abbastanza triste, un uomo il cui omicidio appare assurdo, per evidente mancanza di movente. Piano piano, nel corso delle indagini, si scoprirà, però, che l’uomo nascondeva una doppia vita …
“Il cliente più ostinato del mondo” parla di un avventore di un bar che vi rimane, ordinando pochissimo, per una intera giornata, fino a notte inoltrata, senza mai muoversi e, apparentemente, senza né attendere qualcuno né controllare verso l’esterno; alla chiusura del negozio è stato costretto, con un sospiro di sollievo per il cameriere, ad uscire e pochi secondi dopo si udì una detonazione; ma l’uomo morto non era il cliente in questione, svanito nel nulla …
“Un Natale di Maigret”, alla mia ennesima lettura, mi è rimasto sempre sorprendente: il giorno di Natale Maigret riceve la visita, a casa, di due dirimpettaie; a casa di una di loro la bambina, inferma, che vi abita ha ricevuto, di notte, la visita di Babbo Natale, che gli ha anche regalato una bellissima bambola. Oltre al caso umano particolarmente intrigante, come solito nei romanzi di Maigret, il commissario intuisce subito che la bambina corre un pericolo grave.
james_bondjames_bond wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)(*)
ThalitaThalita wrote a review
00
wiwiwiwi wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )
SergioSergio wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )