Una stanza piena di gente
by Daniel Keyes
(*)(*)(*)(*)(*)(4,174)
Il 27 ottobre 1977, la polizia di Columbus, Ohio, arresta il ventiduenne Billy Milligan con l'accusa di aver rapinato, rapito e violentato tre donne all'interno del campus universitario. Billy ha vari precedenti penali e contro di lui ci sono prove schiaccianti. Ma, durante la perizia psichiatrica chiesta dalla difesa, emerge un fatto sconcertante: Billy soffre di disturbo da personalità multipla. Nella sua mente "vivono" ben 24 personalità diverse, che prendono di volta in volta il sopravvento, parlano tra loro, agiscono e spingono Billy a comportarsi in maniera imprevedibile.

All Reviews

171 + 242 in other languages
bennibenni wrote a review
00
#theansweris42#theansweris42 wrote a review
014
(*)(*)(*)(*)( )

Storia vera di William Milligan, uomo affetto da disturbo dissociativo della personalità, arrestato nel 1978 per aver rapinato e stuprato tre donne. Una volta in carcere quest'uomo, incapace di ricordare quanto aveva commesso, risulta essere il contenitore di 10 personalità diverse che hanno imparato a coesistere per salvare l'identità principale, Billy. Ok, diciamo che ho cominciato la lettura con una punta di scetticismo, cioè, dai, siamo seri, 24 personalità (perché dopo le iniziali 10 se ne scoprono altre) che convivono nello stesso individuo? Ridicolo! E più andavo avanti nella lettura più mi convincevo dell'assurdità della storia, 23 coscienze diverse, tutte lì, al buio, intorno ad un fascio di luce aspettando di potersi esibire, o dormendo nell'attesa? E poi, il "Maestro", il "Deus ex machina" che all'improvviso viene fuori spiegando le varie dinamiche a tutti, personalità (no, scusate, "persone" altrimenti si offendono!) comprese? No, impossibile, troppo fantascientifico per essere vero! Come hanno fatto fior di psicologi a farsi infinocchiare in questo modo?

Eppure, più si va avanti, più la storia si fa convincente, fino a quando i dubbi spariscono e cominci ad empatizzare con il protagonista e con la sua disperazione, a tifare per lui, perché venga curato nel modo giusto, perché venga preso sul serio dai giudici, dagli avvocati, dai medici, cominci a soffrire con Danny, ad ammirare Tommy, a detestare Kevin e Phil, ad adorare Charlene, a non poter soffrire Adalana, a rispettare Arthur, a comprendere Ragen e così via, ma soprattutto a capire Billy.

L'autore ha fatto proprio un ottimo lavoro di ricostruzione, narrando i fatti in modo chiaro e senza tanti tecnicismi, e aggiungendo in questa edizione, una postfazione che sintetizza quanto accaduto a Milligan dopo la pubblicazione del libro, dal 1980 al 1982. Poi però c'è il vuoto. Da una veloce ricerca pare si sia infine trasferito in California, dove è morto per un cancro, nel 2017.

LadylooneyLadylooney wrote a review
01
(*)(*)(*)(*)( )