Uno psicologo nei Lager
by Viktor E. Frankl
(*)(*)(*)(*)(*)(758)

Gudertinfine's Review

GudertinfineGudertinfine wrote a review
02
(*)(*)(*)(*)(*)
Quando sai il "perché" della tua vita, che sia fede, amore, un progetto, ogni "come" è sopportabile
Mi chiedo sempre perché leggere un altro libro che parla di deportazioni e sinceramente non ne ho idea; sono sensibile, non sono negazionista, e quando giro le pagine mi sorprende ogni volta fino a che punto può arrivare il male. Ma questa volta, in questo libro, ci sono anche tante parole sagge, scritte da chi ha provato in prima persona l'esperienza della sofferenza nei lager e che di mestiere faceva lo psicologo. Parole che possiamo, dovremmo, fare nostre quando la sofferenza , come ad esempio la malattia, nella vita può toccare chiunque di noi.
Per me non esiste un senso a quello che hanno fatto i nazisti, ma cinque stelle a Viktor Frankl che lo ha cercato, per sé e per i compagni internati.