Uno psicologo nei lager
by Viktor E. Frankl
(*)(*)(*)(*)(*)(758)

Anne's Review

AnneAnne wrote a review
03
(*)(*)(*)(*)(*)
Frankl raccoglie in un piccolo saggio (capolavoro) tutte le osservazioni, impressioni, testimonianze durante la sua prigionia nei lager.
Lo stile è asciutto e analitico ma non mancano descrizioni che turbano il lettore e che lo portano non solo a riflettere ma ad approcciarsi al libro secondo diversi punti di vista.
L'autore si approccia all'argomento della deportazione degli ebrei nei lager senza "chiedere" al lettore compassione o ponendosi dal punto di vista della vittima ma analizzando, come farebbe uno scienziato, un "fenomeno" sociale (psicologico e per alcuni versi psicopatologico).
Lo consiglio a chi vuole approfondire l'argomento da una prospettiva più "psicologica",