Uomini nudi
by Alicia Gimenez-Bartlett
(*)(*)(*)(*)( )(431)
Irene è una quarantenne, proprietaria di un’impresa ereditata dal padre che dirige con impegno e soddisfazione. Improvvisamente la sciata dal marito, l’unica sua reazione è quella di licenziarlo dall’azienda di fa miglia, consapevole che il loro legame era stato sin dall’inizio non d’amore ma di con... More

All Reviews

81 + 4 in other languages
Mary, Nicky e SamyMary, Nicky e Samy wrote a review
05
(*)(*)(*)(*)( )
Lettura che mi ha colpita molto, e ci ho messo qualche giorno a farmela scorrere via…

Il romanzo vincitore del Premio Planeta 2015 (santo web) è il racconto della moderna lotta di classe e della guerra dei sessi, uno spaccato della società spagnola (ma potrebbe benissimo adattarsi in qualsiasi luogo) al tempo della grande crisi economica ma soprattutto morale.

Uomini nudi racconta di uomini trentenni che perdono il lavoro e per sopravvivere si reinventano finendo per esibirsi in strip club e diventando “prostituti”, e racconta di donne ricche, che non vogliono compromessi sentimentali, e sono quindi disposte a pagare per poche ore di “amore”

I quattro protagonisti, inizialmente molto lontani fra loro, entreranno in collisione fra loro intrecciando i loro destini, con conseguenze inaspettate e imprevedibili.

Il racconto sebbene piuttosto lungo, è decisamente ben costruito. Ha un’evoluzione che non ci si aspetterebbe, ed è talmente ben scritto, con uno stile essenziale e perfetto che non ti permette di staccarti dalle sue pagine. Ti entra come un fiume e ti travolge.

La Gimenez racconta di grandi solitudini esistenziali, di enormi difficoltà relazionali, di alcol, droga, sesso a pagamento, di una spasmodica ricerca di normalità per sfuggire all’infelicità e alla prospettiva di un futuro inaccettabile.

Stupendo il gioco di passare da una voce narrante all’altra in un batter di.. frase.. Si passa da un pensiero all’altro anche da una riga all’altra. Dopo un primo momento di disorientamento, capito il giochino, sono riuscita senza problemi a passare da un io narrante all’altro senza sosta, senza interruzioni, in un flusso di pensieri continuamente alternato in cui però non ti puoi perdere.
Ho trovato Alicia Gimenez geniale in questo suo espediente.

A mio parere si tratta di una storia tristissima, in cui il ribaltamento dei ruoli di potere ha sottolineato la negatività di tutti i personaggi coinvolti. Non salvo nessuno in questo mio giudizio, e alla fine mi ha lasciato una grande amarezza, in cui la speranza che si rincorre di pagina in pagina non viene soddisfatta.

Bravissima la Gimenez. Non conoscevo questa scrittrice, ma mi piace. Molto.





VeraVera wrote a review
00
(*)(*)(*)(*)( )
TatuTatu wrote a review
00
(*)(*)(*)( )( )