Massimo
110

Reviews

0

Quotations

1

Note

Massimo

E, nonostante i vari preavvisi, sopraggiunse la notte anche per noi...

Feb 13, 1919

Orbetello, Italy

Married

Anobian since Oct 8, 2014

302Following104Followers

Massimo's Activity

Massimo
Massimo added to library
Dizionario portatile di ecologia
by Henry David Thoreau
(*)(*)(*)(*)( )(1)

Has it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Has it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Massimo
Massimo added to library
l'arte di andare a passeggio
by Karl Gottlob Schelle
(*)(*)(*)(*)( )(8)

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Liszt maestro di piano
by Caroline Butini Boissier
(*)(*)(*)(*)( )(6)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Review

Have it in their library

0

Are reading it right now

Review

Massimo
Massimo added to library
Democrazia o capitalismo?
by Jürgen Habermas
(*)(*)(*)(*)( )(1)

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

0

Reviews

Massimo
Massimo added to library

Have it in their library

Is reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Psicologia delle folle
by Gustave Le Bon
(*)(*)(*)(*)(*)(198)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Inventario di alcune cose perdute
by Judith Schalansky
(*)(*)(*)(*)( )(20)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Minima moralia
by Theodor W. Adorno
(*)(*)(*)(*)(*)(289)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Segnali di fumo
by Andrea Camilleri
(*)(*)(*)(*)( )(64)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Nuovo profumo di freschezza in territorio sociale
Prima di accingermi a scrivere qualcosa al riguardo, ho ripreso in mano il libro più e più volte, nel tentativo di avere le conferme di quanto percepito in prima lettura. Il diritto alla felicità (citato nel sottotitolo) è lecito, secondo Soumahoro, soltanto se non fondato su egoismo e indifferenza: riconosco una tale potenza disvelante, in quest’affermazione, anche e soprattutto alla luce (buia) di quanto è accaduto in Italia (e altrove) in questi ultimissimi anni. Chi parla criticamente di sfruttamento è solitamente tacciato di essere affetto da ideologismo: difendere l’opportunità di schiavizzare i molti, concessa ai pochi, non è perlomeno allo stesso modo ideologico? La ricattabilità, sempre più perversa, cui sono sottoposti tantissimi lavoratori, potrà mai essere oggettivamente archiviata sotto la squallida menzogna di “organizzazione del lavoro”? La critica di Soumahoro, a ritroso nel tempo, non risparmia alcuna forza politica. Flessibilità e precarietà sono figlie indiscutibili di quell’ormai famigerata e sedicente “sinistra”, la quale persevera nel rincorrere la destra nei territori a quest’ultima più congeniali. Aggiungerei, inoltre, che il mantra tanto in voga negli ultimi anni, quello che nega la persistente realtà di due blocchi contrapposti d’idee riguardo all’ordinamento sociale e politico, altro non è che il tentativo di depotenziare, attraverso la propaganda, le forze residue in grado di contrastare, ancorché sempre più minimamente, un liberismo da delirio. Siamo caduti nell’errore marchiano di scambiare il progresso tecnologico per progresso intellettivo: le coperte infette e il whiskey sono stati sapientemente distribuiti a tutti i “pellerossa”. Per la maggior parte di questi ultimi, anzi, si sono mostrate sufficienti le meno dispendiose perline colorate. In siffatta, maleodorante cornice, quel che sta accadendo ai migranti (che si trovano a non scegliere tra i soli due ruoli che si vorrebbe loro assegnare: schiavitù o merce di scambio politica) non dovrebbe stupire più di tanto i vari “dreamers” dell’ultima ora. La “razzializzazione istituzionale” è un concetto che invito ad approfondire, leggendo questo libro. Gli stessi italiani ne sono stati vittime in un passato relativamente recente. Lo stesso concetto, nei suoi molteplici paradigmi attuativi, pare in Italia sia nato nel 1990, con la Legge Martelli, e da allora sistematicamente impiegato senza troppe correzioni. L’ampio spazio concesso da Soumahoro alla figura di Giuseppe Di Vittorio (a mio giudizio, un’interessantissima scoperta), credo possa pure certificare che non abbia sicuramente torto chi, nella moderna politica, rifiuti di prendere seriamente in considerazione l’ipotesi di “rottamare” tutti quelli che hanno anche un passato. Grazie, Aboubakar.
Massimo
Massimo added to library
Umanità in rivolta
by Soumahoro Aboubakar
(*)(*)(*)(*)(*)(50)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Sul progresso e sul suo opposto
Una prima riflessione sul pensiero dell'Autrice prende le mosse dalla sua dichiarata sfiducia nei riguardi del progresso scientifico e tecnico. Questo, perché il modo di divulgare queste "meraviglie" mostra soltanto un misero feticcio culturale, non certo in grado di elevare alla conoscenza le masse d'individui quanto, piuttosto, di renderle permeabili a un'assimilazione deprivata di effettiva capacità di giudizio. Questo pensiero di SW, apparentemente negativo, pure andrebbe inquadrato alla luce del nostro presente in divenire: la maggior parte della gente, nonostante fiocchino le continue rassicurazioni sul fatto di vivere il miglior mondo possibile, quanto a scienza e tecnologia, si percepisce insicura. La capacità di giudizio, quella capacità di discernere, di volta in volta, tra verità, mezza-verità e menzogna, si rovescia nel giudizio monolitico, privo di sfumature e, dunque, nell’incapacità di dialogare per allargare i propri orizzonti. SW è per la netta critica alla borghesia: la spontaneità delle classi meno abbienti non deve superare un certo limite oltre il quale, manco a dirlo, l’appoggio del ceto medio passa al primo “restauratore” che si trovi in zona. Né manca, all’arco di SW, la freccia di una schietta critica al marxismo: come per la scienza e la tecnologia, i divulgatori di questa idea non si preoccupano del fatto che i destinatari del messaggio salvifico restino digiuni delle nozioni sul metodo. La scienza, così come la tecnica, sono basate sulla specializzazione, che ingenera oppressione attraverso l’asservimento dell’esecutore al coordinatore. Certi campi della nostra civiltà sono come dogmi religiosi: le moltitudini devono credere, senza davvero comprendere. Quello che chiamiamo progresso, molto spesso non fatica a mutare segno algebrico, trasformandosi in regresso. Processo regolarmente ignorato. Tornando al nostro tempo, e di fronte a una figura di statura etica elevata come Simone Weil (la quale, non dimentichiamolo, ha abbandonato gli agi borghesi, con finalità conoscitive pure, per calarsi nelle sordide realtà dell’industria di quasi un secolo fa: e non già soltanto per qualche settimana, o mese), non si può fare a meno di pensare alla pochezza della classe politica e, più in generale, di quella dirigente attuale: esiste una distanza abissale tra le considerazioni sistematiche, a tutto tondo, dell’Autrice e tra chi, oggi, metta in discussione senza appello la bontà di certe scoperte scientifiche, o di certi sistemi politico-sociali. A non pochi appaiono come piccini, ancorché muscolari, divulgatori di pericolosi, dogmatici, perlomeno dubbi rivolgimenti epocali.
Massimo
Massimo added to library

Have it in their library

0

Are reading it right now

Review

Massimo
Massimo added to library
Nello sciame
by Byung-Chul Han
(*)(*)(*)(*)( )(75)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Le illusioni della certezza
by Siri Hustvedt
(*)(*)(*)(*)( )(9)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Attenti al gatto!
by John Yeoman, Quentin Blake
(*)(*)(*)(*)(*)(11)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Attraversare i muri
by James Kaplan, Marina Abramovic
(*)(*)(*)(*)(*)(145)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library

Have it in their library

Is reading it right now

Review

Massimo
Massimo added to library
Lettere contro la guerra
by Tiziano Terzani
(*)(*)(*)(*)(*)(2,237)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Massimo
Massimo added to library
Sii bella e stai zitta
by Michela Marzano
(*)(*)(*)(*)( )(339)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews