Morenacioc
132

Reviews

21

Quotations

0

Notes

Morenacioc

Roma, Italy

Married

Anobian since Dec 7, 2009

3Following24Followers
No Books

Now Reading

Morenacioc's Activity

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Divorzio di velluto
by Jana Karsaiová
(*)(*)(*)(*)( )(32)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Divorzio di velluto
by Jana Karsaiová
(*)(*)(*)(*)( )(32)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)( )( )
Niente di vero
by Veronica Raimo
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Niente di vero
by Veronica Raimo
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Niente di vero
by Veronica Raimo
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Niente di vero
by Veronica Raimo
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Nina sull’argine
by Veronica Galletta
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Nina sull’argine
by Veronica Galletta
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Morenacioc
Morenacioc added to library
Nina sull’argine
by Veronica Galletta
(*)(*)(*)(*)( )(12)

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Have it in their library

Are reading it right now

Review

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
Randagi
by Marco Amerighi
(*)(*)(*)(*)( )(35)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Randagi
by Marco Amerighi
(*)(*)(*)(*)( )(35)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
E poi saremo salvi
by Alessandra Carati
(*)(*)(*)(*)( )(59)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)( )( )
Nova
by Fabio Bacà
(*)(*)(*)(*)( )(58)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Nova
by Fabio Bacà
(*)(*)(*)(*)( )(58)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)(*)
E poi saremo salvi
by Alessandra Carati
(*)(*)(*)(*)( )(59)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)(*)( )
E poi saremo salvi
by Alessandra Carati
(*)(*)(*)(*)( )(59)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
E poi saremo salvi
by Alessandra Carati
(*)(*)(*)(*)( )(59)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)( )( )
Spatriati
by Mario Desiati
(*)(*)(*)(*)( )(150)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Spatriati
by Mario Desiati
(*)(*)(*)(*)( )(150)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)(*)( )( )
Non è stagione
by Antonio Manzini
(*)(*)(*)(*)( )(1,590)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Non è stagione
by Antonio Manzini
(*)(*)(*)(*)( )(1,590)

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)( )( )( )
Diciotto anni e dieci giorni
by Fabio Bartolomei
(*)(*)(*)(*)( )(35)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc rated
(*)(*)( )( )( )
Diciotto anni e dieci giorni
by Fabio Bartolomei
(*)(*)(*)(*)( )(35)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc added to library
Diciotto anni e dieci giorni
by Fabio Bartolomei
(*)(*)(*)(*)( )(35)

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Have it in their library

0

Are reading it right now

Reviews

Morenacioc
Morenacioc wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Cosa viene in mente pensando ad Acapulco? Sole, mare, vacanze. Un posto perfetto per trascorrere una rilassante vacanza.  Ma, come molte volte accade, non tutto è come appare. Anche Acapulco può essere un luogo da cui fuggire, soprattutto se non sei un turista! La storia inizia con una festa di famiglia, una di quelle feste che riuniscono tutti familiari per festeggiare i 15 anni della nipote di Lydia, la protagonista principale. Ma all’improvviso lo scenario muta, da gioioso a drammatico, quello che era un ameno “party” diventa teatro di una carneficina. Improvvisamente una banda del cartello locale irrompe nel giardino, fulcro della festa, e falcidia l’intera famiglia. Per una casualità, soltanto Lydia e il figlio Luca di otto anni riescono a scampare alla strage, trovandosi in bagno, dove restano nascosti fino a che i sicari non abbandoneranno la scena. Da questo momento parte l’odissea di Lydia e Luca (ma non solo). Inizia il lungo esodo verso il “Norte”, un viaggio che si snoda da Acapulco fino a Los”Estados Unidos”, alla ricerca dell’affrancamento dalla vendetta del Capo del “Cartello”. Il lungo e tormentato viaggio non sarà in solitaria, ma molti personaggi “disperati” (nell’accezione più piena del termine) si affiancheranno a Lydia e Luca, condividendo il tragico destino che accomuna ogni migrante. La migrazione è sempre un viaggio doloroso, dove si parte lasciando una parte di sé stessi, della propria vita e “lacerando” tutti gli affetti che a quella vita hanno fin lì dato un senso. E allora inizia lil calvario, tra i continui pericoli, le angosce di essere scoperti e deportati, fattori climatici e geografici che rendono più che impervia la sopravvivenza (l’attraversamento del deserto), fino all’esaurimento di ogni risorsa fisica. Con tutto questo e molto di più si familiarizza durante la lettura. Ma, anche in un contesto così drammatico, il libro riesce a carezzarci l’anima con la stretta solidarietà si stabilisce tra i migranti, che si fanno gruppo, si fanno “famiglia; nonostante tutte le drammatiche difficoltà riescono a sviluppare empatia, trovano la capacità di mettere in gioco la propria sopravvivenza pur di non lasciare indietro nessuno. Ormai l’obiettivo di raggiungere salvi il “Norte” è un obiettivo comune, ci si aiuta come si può, senza lasciare indietro nessuno, dove possibile. Sono due, a mio avviso, i temi centrali del libro. Sicuramente il principale è quello della migrazione, che non si limita a quella economica, ovvero rifuggire la povertà per una vita più degna, se dignità può esserci in una vita da vivere ai margini di società opulente, ostaggi della clandestinità, privati dei diritti minimi di sussistenza, Sono diversi i motivi che possono determinare la dolorosa scelta di lasciare il proprio Paese; per esempio la paura, come nel caso di Lydia e Luca, (terrore della vendetta del “jefe” del cartello locale); ma si emigra anche semplicemente per sopravvivere ai soprusi, alle violenze, agli stupri, ai fantasmi che popolano le vite delle vittime. Una molteplicità di ragioni, tutte rivolte a una vita più degna, più umana. Altro tema rilevante che emerge è quello della libertà di stampa negata e crudelmente osteggiata, tema questo di grande attualità oggi nel mondo e, più che mai in Messico, dove il numero dei giornalisti che pagano con la vita il diritto di esprimere le proprie idee è tra i più alti del pianeta. In questo testo ne è vittima diretta Sebastiàn, il marito di Lydia, il cui articolo di denuncia del “jefe” del cartello” è il motivo dell’eccidio. Il libro scorre con ritmo incalzante, con la giusta tensione, senza mai scadere nella noia o nella banalità; le drammatiche tematiche soggettive dei vari personaggi sono sempre affrontate con equilibrio e, a mio avviso, senza retorica.  Lo stile narrativo è molto semplice, fatto per lo più di periodi brevi, senza fronzoli e mai pretenziosi, ma che rendono bene le descrizioni dettagliate dei personaggi e dei luoghi (sembrano quasi diapositive). Potrebbe apparire propedeutico a una eventuale sceneggiatura, ma questa è una mia personale impressione. Io l’ho apprezzato perché ha avuto il merito di addentrarmi a una tematica che non avevo mai approfondito, quelle delle migrazioni dal Centro e Sud America verso gli Stati Uniti. Il pianeta è colmo di persone disperate che mettono a repentaglio la propria vita nel tentativo di approdare a una più degna, qualsiasi sia la motivazione, razziale, economica, religiosa o quanto altro.