22/11/'63
by Stephen King
(*)(*)(*)(*)(*)(4,858)
Jake Epping ha trentacinque anni, è professore di inglese al liceo di Lisbon Falls, nel Maine, e arrotonda lo stipendio insegnando anche alla scuola serale. Vive solo, ma ha parecchi amici sui quali contare, e il migliore è Al, che gestisce la tavola calda. È proprio lui a rivelare a Jake il segreto che cambierà il suo destino: il negozio in realtà è un passaggio spaziotemporale che conduce al 1958. Al coinvolge Jake in una missione folle - e follemente possibile: impedire l'assassinio di Kennedy. Comincia così la nuova esistenza di Jake nel mondo di Elvis, James Dean e JFK, delle automobili interminabili e del twist, dove convivono un'anima inquieta di nome Lee Harvey Oswald e la bella bibliotecaria Sadie Dunhill. Che diventa per Jake l'amore della vita. Una vita che sovverte tutte le regole del tempo conosciute. E forse anche quelle della Storia.

Vale's Review

ValeVale wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Capolavoro, denso ed enigmatico
Ho iniziato e abbandonato 22/11/63 più volte, ma sempre perché dovevo anteporre altre letture per lavoro. Forse, però, è anche un po' a causa di Stephen King. Stavolta il mio re mi ha sorpreso regalandomi un libro denso, complesso, intriso di storia, dolore e riflessioni sulla società contemporanea. Qualcosa che forse non mi aspettavo, diverso da quanto scritto in passato, ma al tempo stesso radicalmente legato ad altri capolavori della vecchia era, in particolare It. Credo che 22/11/63 sia la svolta di King, il libro che ha inaugurato l'era di una nuova maturità per l'autore del Maine. Un libro non facile, immenso e doloroso. Il viaggio di Jack Epping è anche il nostro viaggio in un'opera che ci costringe a riflettere su chi siamo, dove stiamo andando, in che direzione stia andando il mondo e quanto le nostre azioni incidano sulla società.
ValeVale wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Capolavoro, denso ed enigmatico
Ho iniziato e abbandonato 22/11/63 più volte, ma sempre perché dovevo anteporre altre letture per lavoro. Forse, però, è anche un po' a causa di Stephen King. Stavolta il mio re mi ha sorpreso regalandomi un libro denso, complesso, intriso di storia, dolore e riflessioni sulla società contemporanea. Qualcosa che forse non mi aspettavo, diverso da quanto scritto in passato, ma al tempo stesso radicalmente legato ad altri capolavori della vecchia era, in particolare It. Credo che 22/11/63 sia la svolta di King, il libro che ha inaugurato l'era di una nuova maturità per l'autore del Maine. Un libro non facile, immenso e doloroso. Il viaggio di Jack Epping è anche il nostro viaggio in un'opera che ci costringe a riflettere su chi siamo, dove stiamo andando, in che direzione stia andando il mondo e quanto le nostre azioni incidano sulla società.