(*)(*)(*)(*)(*)(1,040)
Delle molte leggende alla cui nascita Bolano stesso ha contribuito, l'ultima riguarda la forma che "2666" avrebbe dovuto assumere. Si dice infatti che l'autore desiderasse vedere i cinque romanzi che lo compongono pubblicati separatamente, e se possibile letti nell'ordine preferito da ciascuno. La disposizione, ammesso che sia autentica, era in realtà un avviso per la navigazione in questo romanzo-mondo, che contiene di tutto: un'idea di letteratura per la quale molti sono disposti a vivere e a morire, l'opera al nero di uno scrittore fantasma che sembra celare il segreto del Male, e il Male stesso, nell'infinita catena di omicidi che trasforma la terra di nessuno fra gli Stati Uniti e il Messico nell'universo della nostra desolazione. Tutte queste schegge, e infinite altre, si possono in effetti raccogliere entrando in "2666" da un ingresso qualsiasi; ma fin dall'inizio il libro era fatto per diventare quello che oggi il lettore italiano ha modo di conoscere: un immenso corpo romanzesco oscuro e abbacinante, da percorrere seguendo una sola, ipnotica illusione - quella di trovare il punto nascosto in cui finiscono, e cominciano, tutte le storie.

Anna's Review

Anna
Anna wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
all'ultima riga ho girato pagina e solo allora mi sono resa conto che era finito il libro...sono rimasta allibita, come se quelle storie quelle vicede non potessero interrompersi.
E' straordinario questo libro, talmente bello che non ti accorgi di attraversare 1200 pagine talmente poliedrico che ti sembra di vedere la stessa realtà da 100 punti di vista differenti e solo alla fine ho trovato li filo che li unisce, ma forse non è l'espressione giusta perchè in fondo ogni prospettiva basta a se stessa e non ha bisogno delle altre per prendere senso. Aveva ragione l'autore sono 5 libri ed ognuno può leggerli nell'ordine casuale che preferisce ma alla fine è un'opera unica e complessa che rimane scolpita nella mente e nel cuore