Abbaiare stanca
by Daniel Pennac
(*)(*)(*)(*)( )(2,193)
Non si può certo dire che Il Cane sia uno splendore: un bastardino senza arte né parte che un giorno decide di abbandonare l'accogliente deposito della spazzatura dove è cresciuto per andare in cerca di fortuna a Parigi. E convivere con gli esseri umani non è facile per un cane che non sia 'di razza': anche quando crede di avere trovato 'il padrone ideale', i guai non sono finiti. Perché, per educare come si deve i padroni umani, bisogna ricorrere ad astuzia, coraggio e determinazione. Daniel Pennac capisce dei cani ogni pensiero, ogni tristezza, ogni desiderio. Quando avremo letto la storia di Il Cane — con due maiuscole, perché è il cane per eccellenza — sapremo non solo tutto sul suo mondo, ma impareremo anche molto su quello degli uomini: come appaiono agli occhi del cane, imprevedibili e traditori, e quanto debbano venire ammaestrati. Età di lettura: da 10 anni.

Note by Virgi

VirgiVirgi added a note
Un bel libretto corto ma piacevole ed in grado di insegnare molto, specie ai bambini. Ho apprezzato che ci fossero dei paragrafi istruttivi (oltre all'intera morale della storia), come quando Il Cane non crede che la felicità sia vera.
E' un libro in grado di insegnare, divertire e commuovere. La scena del canile è davvero struggente.
VirgiVirgi added a note
Un bel libretto corto ma piacevole ed in grado di insegnare molto, specie ai bambini. Ho apprezzato che ci fossero dei paragrafi istruttivi (oltre all'intera morale della storia), come quando Il Cane non crede che la felicità sia vera.
E' un libro in grado di insegnare, divertire e commuovere. La scena del canile è davvero struggente.