Abbaiare stanca
by Daniel Pennac
(*)(*)(*)(*)( )(2,191)
«Non sono uno specialista di cani. Solo un amico. Un po' cane anch'io, può darsi. Sono nato nello stesso giorno del mio primo cane. Poi siamo cresciuti insieme. Ma lui è invecchiato prima di me. A undici anni era un vecchietto pieno di reumatismi e di esperienza. Io ero ancora un cucciolo. Morì. Io piansi. Molto». Ecco cosa ne dice Daniel Pennac, l'innamorato dei cani, che capisce ogni loro pensiero, ogni tristezza, ogni desiderio. Quando avremo letto la storia di Il Cane - con due maiuscole, perché è il cane per eccellenza - sapremo non solo tutto sul suo mondo, ma impareremo anche molto su quello degli uomini: come appaiamo agli occhi del cane, quanto dobbiamo venir ammaestrati.

Twin Fitzgerald Kirkland ha fatto una Homerata's Quotes

Alcune di quelle opere d'arte rappresentavano lo Ienoso in persona. Ma uno Ienoso bellissimo, come avrebbe potuto essere nella realtà se la realtà non l'avesse un po' fregato. Quello che saltava agli occhi, nel lavoro del Cinghiale, era il modo in cui aveva saputo esprimere tutta l'intelligenza dello Ienoso, il suo coraggio, la sua spensieratezza, la sua passione per gli scherzi e, in fondo a tutto la serietà del suo carattere, una specie di tristezza, ma molto remota, che non si poteva cogliere a occhio nudo nè in fotografia. Somigliante, veramente., Molto somigliante.
Il Cane aveva immediatamente riconosciuto lo Ienoso nei quadri alle pareti e nelle sculture sulla mensola del caminetto.
"Ma sei tu, quello! Come mai sei così bello, là?"
"Lo sguardo dell'amore..." aveva risposto lo Ienoso con l'aria più modesta possibile.
105
Alcune di quelle opere d'arte rappresentavano lo Ienoso in persona. Ma uno Ienoso bellissimo, come avrebbe potuto essere nella realtà se la realtà non l'avesse un po' fregato. Quello che saltava agli occhi, nel lavoro del Cinghiale, era il modo in cui aveva saputo esprimere tutta l'intelligenza dello Ienoso, il suo coraggio, la sua spensieratezza, la sua passione per gli scherzi e, in fondo a tutto la serietà del suo carattere, una specie di tristezza, ma molto remota, che non si poteva cogliere a occhio nudo nè in fotografia. Somigliante, veramente., Molto somigliante.
Il Cane aveva immediatamente riconosciuto lo Ienoso nei quadri alle pareti e nelle sculture sulla mensola del caminetto.
"Ma sei tu, quello! Come mai sei così bello, là?"
"Lo sguardo dell'amore..." aveva risposto lo Ienoso con l'aria più modesta possibile.
105