Agostino
by Moravia Alberto
(*)(*)(*)(*)( )(2,052)
Quando nel 1944 Alberto Moravia tornò a Roma, al seguito delle truppe alleate, era praticamente un autore che ricominciava, anzi cominciava in quello stesso momento. Il romanzo breve Agostino fu il capolavoro che gli consentì di conquistare i riconoscimenti della critica e del pubblico. Agostino è la storia di un’iniziazione sessuale. Da una parte, un ragazzo di tredici anni che è ancora un bambino; dall’altra la madre, vedova, ma ancora fiorente e desiderosa di vivere. Durante una vacanza al mare i rapporti tra il figlio e la madre si guastano, si corrompono d’inquietudine. Per il ragazzo sarà necessario approdare a un’autentica crisi, una lacerazione che gli consentirà di ripartire poi a ricomporre il mondo, a farsi una ragione della vita. Con Agostino, ritorno alla narrativa vera e propria dopo evasioni e sfoghi surrealisti e satirici, Moravia conquistò il suo primo premio letterario.

All Notes

6
Daniela4932Daniela4932 added a note
Il libro ha come protagonista Agostino, un ragazzo di tredici anni che vive con la madre, vedova ancora giovane e bella, per la quale nutre un'autentica venerazione. Il racconto è ambientato in una località marina della costa toscana dove madre e figlio trascorrono le vacanze estive. Madre e figlio godono di momenti privilegiati quando, al momento tanto atteso del bagno, giocano e scherzano con ancestrale intimità. Ma questo momento di felicità viene interrotto quando un giovane, di nome Renzo, chiede di potersi unire a loro e la madre, con disappunto di Agostino, acconsente. Presto la giovane donna prende l'abitudine di fare il bagno con Renzo lasciando Agostino, dolorosamente amareggiato, da solo sulla spiaggia. Agostino intanto conosce Berto che gli fa conoscere un gruppo di giovani del luogo molto diversi da lui per estrazione sociale e, attirato da quel nuovo mondo, egli cerca di esserne ammesso. Ciò avviene dopo che egli ha offerto loro delle sigarette sottratte dalla borsa della madre. Da questi giovani rozzi e rissosi che lo prendono in giro soprannominandolo Pisa, città dalla quale Agostino proviene, egli apprende che la madre è considerata da tutti loro una donna facile e ne prova un forte turbamento. Agostino conosce anche Saro, un uomo che è il proprietario di una barca e che ha una relazione omosessuale con Homs, un giovane negro che appartiene al gruppo. Quando Agostino, che è ignaro di tutto, viene invitato in barca, si vede costretto a fronteggiare gli approcci di Saro, che però, vista l'ingenuità del giovinetto, non insiste oltre. Da Tortima, un ragazzo del gruppo, Agostino viene a conoscenza dell'esistenza dei postriboli e dopo aver visto la madre baciare Renzo, egli, che vuole entrare nel mondo dei grandi, dopo essersi procurati i soldi necessari per lui e il compagno, cerca di entrare in una casa di tolleranza, ma viene respinto perché troppo giovane. Il romanzo termina con la richiesta da parte di Agostino alla madre di ritornare a casa e di non essere più trattato come un bambino ma come un uomo.
Daniela4932Daniela4932 added a note
Il libro ha come protagonista Agostino, un ragazzo di tredici anni che vive con la madre, vedova ancora giovane e bella, per la quale nutre un'autentica venerazione. Il racconto è ambientato in una località marina della costa toscana dove madre e figlio trascorrono le vacanze estive. Madre e figlio godono di momenti privilegiati quando, al momento tanto atteso del bagno, giocano e scherzano con ancestrale intimità. Ma questo momento di felicità viene interrotto quando un giovane, di nome Renzo, chiede di potersi unire a loro e la madre, con disappunto di Agostino, acconsente. Presto la giovane donna prende l'abitudine di fare il bagno con Renzo lasciando Agostino, dolorosamente amareggiato, da solo sulla spiaggia. Agostino intanto conosce Berto che gli fa conoscere un gruppo di giovani del luogo molto diversi da lui per estrazione sociale e, attirato da quel nuovo mondo, egli cerca di esserne ammesso. Ciò avviene dopo che egli ha offerto loro delle sigarette sottratte dalla borsa della madre. Da questi giovani rozzi e rissosi che lo prendono in giro soprannominandolo Pisa, città dalla quale Agostino proviene, egli apprende che la madre è considerata da tutti loro una donna facile e ne prova un forte turbamento. Agostino conosce anche Saro, un uomo che è il proprietario di una barca e che ha una relazione omosessuale con Homs, un giovane negro che appartiene al gruppo. Quando Agostino, che è ignaro di tutto, viene invitato in barca, si vede costretto a fronteggiare gli approcci di Saro, che però, vista l'ingenuità del giovinetto, non insiste oltre. Da Tortima, un ragazzo del gruppo, Agostino viene a conoscenza dell'esistenza dei postriboli e dopo aver visto la madre baciare Renzo, egli, che vuole entrare nel mondo dei grandi, dopo essersi procurati i soldi necessari per lui e il compagno, cerca di entrare in una casa di tolleranza, ma viene respinto perché troppo giovane. Il romanzo termina con la richiesta da parte di Agostino alla madre di ritornare a casa e di non essere più trattato come un bambino ma come un uomo.
Coll. LET 303
Coll. LET 303
blues1855blues1855 added a note
Un sottile erotismo permea tutto il libro! Da leggere
blues1855blues1855 added a note
Un sottile erotismo permea tutto il libro! Da leggere
853.914 MOR 251 Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
853.914 MOR 251 Donazione D'Alessandro, Fondo Di Tursi
853.914 MOR 9612 Letteratura Italiana
853.914 MOR 9612 Letteratura Italiana
853.9 MOR 538 Letteratura Italiana
853.9 MOR 538 Letteratura Italiana