Aldobrando
by Gipi, Luigi Critone
(*)(*)(*)(*)(*)(102)
Un racconto di formazione avventuroso e toccante. Una storia capace di parlare al cuore dei lettori di ogni età, tenendoli con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina. In un medioevo fantastico, in bilico tra "L'armata Brancaleone" di Monicelli e il "Don Chisciotte" di Cervantes, Gipi ambienta la storia del giovane orfano Aldobrando. In un ambiente ostile, dove vigono crudeltà e sopraffazione, suo malgrado dovrà mettersi in cammino per andare incontro al suo destino. Disegnato da Luigi Critone, tra colpi di scena e personaggi indimenticabili "Aldobrando" è anche una favola politica sugli inganni del potere e sulla determinazione necessaria per inseguire i propri sogni.

Morena's Review

MorenaMorena wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Aldobrando è un orfano, il padre lo affidò piccolissimo ad uno strego poco prima di morire, ora che è cresciuto il suo maestro lo manda in missione, deve trovare una pianta che potrà salvarlo. Aldobrando parte e nella sua ricerca incontra uno strano cavaliere, una principessa, un assassino e una schiava. Incolpato di un delitto che non ha commesso, si salva fuggendo ma ritorna sui suoi passi perché anche se non sa niente dell'amore, sa che non può essere il pensare solo ai propri comodi. Come nella favole riuscirà a salvare la principessa ma non è interessato alla ricompensa classica delle favole, ad Aldobrando non interessa diventare re, vuole solo tornare dal proprio maestro. Un racconto di formazione, una favola al contrario, una storia delicata ambientata in un medioevo immaginario e violento disegnato e colorato splendidamente.
MorenaMorena wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Aldobrando è un orfano, il padre lo affidò piccolissimo ad uno strego poco prima di morire, ora che è cresciuto il suo maestro lo manda in missione, deve trovare una pianta che potrà salvarlo. Aldobrando parte e nella sua ricerca incontra uno strano cavaliere, una principessa, un assassino e una schiava. Incolpato di un delitto che non ha commesso, si salva fuggendo ma ritorna sui suoi passi perché anche se non sa niente dell'amore, sa che non può essere il pensare solo ai propri comodi. Come nella favole riuscirà a salvare la principessa ma non è interessato alla ricompensa classica delle favole, ad Aldobrando non interessa diventare re, vuole solo tornare dal proprio maestro. Un racconto di formazione, una favola al contrario, una storia delicata ambientata in un medioevo immaginario e violento disegnato e colorato splendidamente.