Anime di vetro
by Maurizio de Giovanni
(*)(*)(*)(*)( )(960)
C'è la morte nell'anima di Luigi Alfredo Ricciardi. Imprigionato nel guscio della solitudine più completa, che non permette a nessuno di intaccare, è sulla soglia della disperazione. All'ottavo appuntamento con i lettori del commissario dagli occhi verdi, più che mai protagonista in una indagine dove tutto è anomalo, Maurizio de Giovanni ci regala la meraviglia di un romanzo in cui le anime di ciascuno si rivelano fatte di vetro: facili a rompersi in mille pezzi, lasciano trasparire la fiamma che affascina e talvolta danna, e occorre allora il sacrificio della rinuncia, che può apparire incomprensibile ed esporre alla vendetta. Prende così forma un congegno narrativo misteriosamente delicato e struggente, vertiginoso e semplice, che spinge Ricciardi su strade rischiose. E lo costringe a fare i conti con sé stesso e i propri sentimenti. Mentre le pagine sembrano assumere la voce di una delle più celebri canzoni partenopee, per carpirne il più nascosto segreto.

All Notes

4 + 1 in other languages
Andrea Kossowski77Andrea Kossowski77 added a note
Riccardi al meglio.....perfetto e geniale....è bello perdersi nei vicoli di Napoli dal divano di casa!!!!!
Andrea Kossowski77Andrea Kossowski77 added a note
Riccardi al meglio.....perfetto e geniale....è bello perdersi nei vicoli di Napoli dal divano di casa!!!!!
clelia49@yahoo.itclelia49@yahoo.it added a note
e-book
clelia49@yahoo.itclelia49@yahoo.it added a note
e-book
patripatri added a note
Una versione diversa di una grande opera poetica
patripatri added a note
Una versione diversa di una grande opera poetica
Patty Patty added a note
Tiene mente 'sta palomma, Comme ggira, comm'avota, Comme torna 'n'ata vota 'Sta ceroggena a tentà! Palummè, chist'è 'nu lume, Nun è rosa o giesummino, E tu a fforza ccà vvicino Te vuò mettere a vulà! Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià? Carulì, pe' 'nu capriccio, Tu vuò fà scuntento a 'n'ato E po', quanno ll'hê lassato, Tu addu 'n'ato vuò vulà. Troppe core staje strignenno Cu 'sti mmane piccerelle; Ma fernisce ca 'sti scelle Pure tu te può abbrucià. Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià? Torna, va', palomma 'e notte, Dint'a ll'ombra addò sì nata! Torna a 'st'aria 'mbarzamata Ca te sape cunzulà! Dint' 'o scuro e pe' me sulo 'Sta cannela arde e se struje, Ma c'ardesse a tutt' 'e dduje, Nun 'o ppozzo suppurtà! Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià?
Patty Patty added a note
Tiene mente 'sta palomma, Comme ggira, comm'avota, Comme torna 'n'ata vota 'Sta ceroggena a tentà! Palummè, chist'è 'nu lume, Nun è rosa o giesummino, E tu a fforza ccà vvicino Te vuò mettere a vulà! Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià? Carulì, pe' 'nu capriccio, Tu vuò fà scuntento a 'n'ato E po', quanno ll'hê lassato, Tu addu 'n'ato vuò vulà. Troppe core staje strignenno Cu 'sti mmane piccerelle; Ma fernisce ca 'sti scelle Pure tu te può abbrucià. Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià? Torna, va', palomma 'e notte, Dint'a ll'ombra addò sì nata! Torna a 'st'aria 'mbarzamata Ca te sape cunzulà! Dint' 'o scuro e pe' me sulo 'Sta cannela arde e se struje, Ma c'ardesse a tutt' 'e dduje, Nun 'o ppozzo suppurtà! Vattenn' 'a lloco! Vattenne, pazzarella! Va', palummella, e torna, E torna a 'st'aria Accussì fresca e bella! 'O bbì ca i' pure Mm'abbaglio chianu chiano, E ca mm'abbrucio 'a mano Pe' te ne vulè caccià?