Batman la Leggenda n. 03
by Mike W. Barr
(*)(*)(*)(*)( )(61)
Il Cavaliere Oscuro dovrà confrontarsi con Ra's al Ghul, un folle terrorista che vuole scatenare una guerra evoluzionistica. Solo il più forte soppravviverà!

All Reviews

5
Mr JingleMr Jingle wrote a review
(*)(*)( )( )( )
rece completa: beatblog2.blogspot.it/2010/04/appunti-su-batman.html Il vol.3 si intitola “Il figlio del demone” e propone due storie completamente diverse. Appare Ra's al Ghul, personaggio di per sé interessante (diversamente tracciato in modo realistico e maturo in Batman Begins). Le vicende sono in puro stile 007 classico, ambientate in paesi stranieri, e a Batman si affianca un'improbabile amante (figlia di Ra's) anch'essa supereroina. I disegni hanno un bel tratto manuale, ma è difficile prendere sul serio queste storie, figlie degli anni in cui sono state disegnate.
st2wokst2wok wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
è la terza edizione di questa graphic novel che leggo dopo la prima in inglese e dopo la prima in italiano. già dalla prima volta dissi (sulla fanzine Aleph) che si trattava di una pietra miliare per lo sviluppo del personaggio e, tanti anni dopo, lo sviluppo attuale delle avventure, ed in particolare il nuovo Robin, hanno dimostrato quanto avessi ragione su tanti che consideravano Il figlio del demone uno spin-off senza alcune legame con la continuity delle avventure di Batman!
BlackArcanaBlackArcana wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Tavole probabilmente non all'altezza dei precedenti. Vediamo agire un Batman internazionale, non più interessato solo a quello che accade a Gotham. Incontriamo anche uno dei nemici storici del cavaliere oscuro, l'enigmatico ed eterno Ra's al Ghul e la di lui figlia, nonchè amore mai sopito di Batman, Talia. Interessante l'apparizione del figlio che il cavaliere oscuro ha avuto dalla bella e indocile donna. Nell'episodio finale dell'albo fa la comparsa anche il Ragazzo Meraviglia...Non c'è che dire, una bella sfilata di personaggi! Piccola citazione:" Sarebbe facile per Batman abbandonare la campagna.Rinunciare alla lotta, alla vita. Ha fatto del suo meglio, che altro deve fare? La tentazione di molare, di arrendersi e lasciarsi andare è forte, era così forte anche la notte che ha visto morire i suoi genitori. Era forte ogni singola volta che realizzava l'enormità del compito che aveva deciso di intraprendere. Ed è forte quando da lui dipende la vita di un bastardo, quando ha la tentazione di lasciare che la vendetta anneghi la giustizia. Non ha mai gridato. Mai s'è arreso. E non lo farà ora."
IntrooderIntrooder wrote a review
(*)(*)( )( )( )
Mah... più che Batman, un miscuglio tra James Bond e Rambo (ma un Rambo piuttosto paternalista). Storia banale da Flash Gordon anni '40, e anche grafica in stile: in effetti le tavole sembrano rifarsi proprio al buon vecchio Flash Gordon. Il che è positivo solo per quanto riguarda i completini di Talia, che sono mozzafiato :-) Ciò nonostante, Grindberg manca di incisività. E poi, poca Gotham, villains poco credibili e decisamente imbecilli, e una nota melensa che ci poteva tranquillamente essere risparmiata.
Davide DebenedittisDavide Debenedittis wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Sicuramente bello, però poco spazio alla città di Gotham e poco credibili i cattivi. Nota positiva: Talia. Che bambola :D