Candido o l'ottimismo by Voltaire
Candido o l'ottimismo by Voltaire

Candido o l'ottimismo

by Voltaire

Translated by Nicola Cieri
( )( )( )( )( )(0)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
Con “Candido o l’Ottimismo”, Voltaire replica a Rousseau (Lettre sur la Providence – Lettera sulla Provvidenza) e sopratutto ai filosofi ottimisti, discepoli di Leibnitz e Wolf. Ogni capitolo ci mostra una nuova forma di male: male metafisico, naufragi, terremoti, male proveniente dagli uomini, dalla loro violenza (guerra, fanatismo, schiavitù), dalla loro furbizia, dalla loro falsità. Non sono i ragionamenti dei metafisici che porranno fine a questi mali! Nella conclusione Voltaire ci propone una soluzione di morale pratica: il ritiro del contadino turco e sopratutto il lavoro, sorgente del progresso materiale e morale, che renderà gli uomini più felici. Il filosofo ha infuso in questo romanzo la sua esperienza: la sua ingenuità di giovane uomo, i suoi viaggi, la maturazione del suo spirito, il rifugio a Ferney dove andava a “coltivare il suo orto”. “Candido” raggiunge la perfezione nell’arte del romanzo filosofico. Voltaire sa velare, attraverso la varietà e il burlesco della narrazione, la monotonia della tesi. E’ in “Candido” che occorrerebbe studiare tutte le sfumature dell’ironia volterriana.
Loading...