Cuore
by Edmondo De Amicis
(*)(*)(*)(*)( )(5,139)
Il diario di Enrico, un bimbo torinese di terza elementare, ci conduce per mano giorno dopo giorno attraverso le diverse tappe di un anno scolastico denso di avvenimenti gioiosi e tristi. Lo scrivano fiorentino, la maestrina dalla penna rossa, il severo maestro Perboni, il buon compagno Garrone, il povero figlio del carbonaio sono tra i piccoli grandi protagonisti dell'Italia risorgimentale che in questo libro prende vita ancora oggi, a oltre cento anni dalla pubblicazione. Straordinarie storie di eroismi quotidiani capaci di imprimersi nel cuore dei lettori odierni come di quelli di un secolo fa, lasciando un ricordo indelebile. Età di lettura: da 11 anni.

All Notes

5
VirgiVirgi added a note
In parte ascoltato come audiobook ed in parte letto come ebook. Un libro zuccheroso, pieno di retorica. Ogni capitolo vuole essere una parabola con una morale da insegnare al lettore. Spesso le idee di fondo sono condivisibili, ma comunque rendono la lettura un po' soffocante (quasi inzuppata di sciroppo zuccheroso). Lo scrittore si è sforzato di rappresentare ogni circostanza che poteva accadere e ogni persona che poteva incontrare un bambino di fine ottocento. Ho gradito molto il lessico e la grammatica usata: semplice, diretta ma comunque in stile con l'epoca in cui è stato scritto. Alla fine ci si affeziona anche un po' ai personaggi. Forse avrei gradito saperne di più sul protagonista, anche se la sua voce e la sua visione del mondo sono solo pretesti per mostrare tutto il contesto e le idee intorno. E il finale la partenza del protagonista e l'allontanamento del protagonista, fanno un po' dispiacere.
VirgiVirgi added a note
In parte ascoltato come audiobook ed in parte letto come ebook. Un libro zuccheroso, pieno di retorica. Ogni capitolo vuole essere una parabola con una morale da insegnare al lettore. Spesso le idee di fondo sono condivisibili, ma comunque rendono la lettura un po' soffocante (quasi inzuppata di sciroppo zuccheroso). Lo scrittore si è sforzato di rappresentare ogni circostanza che poteva accadere e ogni persona che poteva incontrare un bambino di fine ottocento. Ho gradito molto il lessico e la grammatica usata: semplice, diretta ma comunque in stile con l'epoca in cui è stato scritto. Alla fine ci si affeziona anche un po' ai personaggi. Forse avrei gradito saperne di più sul protagonista, anche se la sua voce e la sua visione del mondo sono solo pretesti per mostrare tutto il contesto e le idee intorno. E il finale la partenza del protagonista e l'allontanamento del protagonista, fanno un po' dispiacere.
Mattia ZanforlinMattia Zanforlin added a note
image
Mattia ZanforlinMattia Zanforlin added a note
image
FossiliberoFossilibero added a note
due copie di edizioni diverse
FossiliberoFossilibero added a note
due copie di edizioni diverse
ZenoZeno added a note
image
Quindicesima edizione: maggio 1958 Garzanti
ZenoZeno added a note
image
Quindicesima edizione: maggio 1958 Garzanti
Collocazione : NR 309
Collocazione : NR 309