Di farfalle, grilli e di cicale by Camillo Pennati
Di farfalle, grilli e di cicale by Camillo Pennati
Di farfalle, grilli e di cicale by Camillo Pennati
Di farfalle, grilli e di cicale by Camillo Pennati

Di farfalle, grilli e di cicale

by Camillo Pennati

Curated by Roberto Bertoldo, Sandro Montalto
( )( )( )( )( )(0)
0Reviews0Quotations0Notes
Description
La poesia di Camillo Pennati si è fatta via via più dissonante, dando spazio esorbitante ad avverbi, allitterazioni, ripetizioni lessicali, insomma ad uno stile volutamente impoetico, al contempo affondando sempre più lo sguardo, nonostante il voluto parossismo tecnicistico, nella naturalezza dei paesaggi, nei quali persiste una rara presenza umana, qui l’amata Silvana. L’io, il tu, persino il noi appaiono di tanto in tanto quasi ad umanizzare la visione del poeta affinché l’uomo colga della natura quel «dono di esistenza» che solitamente «viviamo in presuntuosa ignoranza» ("Il terrestre dono di esistenza"). Di questa natura il poeta Pennati coglie «ogni singolare tinta» ("Di fiori in miniatura al suolo"), ogni suono, ogni piccolo essere vivente (grillo, mosca, ecc.), dialoga con essa (si vedano le poesie sulla rosa), ma non cerca mai di risolverne subito le dissonanze, anzi prima cala in esse la spada e allarga la ferita poetica.
Loading...