Epistola a Erodoto by Epicuro
Epistola a Erodoto by Epicuro

Epistola a Erodoto

by Epicuro

Curated by F. Verde
(*)(*)(*)(*)(*)(7)
1Review0Quotations0Notes
Description
Dopo aver afferrato questi principi, "occorre" considerare ormai ciò che è non evidente; in primo luogo nulla si genera da ciò che non è. Tutto, infatti, si genererebbe da tutto, senza aver bisogno di semi. E se ciò che scompare si corrompesse in ciò che non è, tutte le cose sarebbero andate distrutte, non esistendo ciò in cui si sono dissolte. E certamente il tutto sempre fu tale quale è ora e sempre sarà tale. Non vi è nulla infatti in cui muta. Oltre al tutto, infatti, non vi è nulla che, entratovi, sia in grado di produrre il cambiamento. (Introduzione di Emidio Spinelli)
Loading...