Fiktioner
by Jorge Luis Borges
(*)(*)(*)(*)(*)(4,331)
En klassisk, epokgörande modern spanskspråkig amerikansk bok. Nu för första gången på svenska i komplett skick  "Jag har mötet mellan en spegel och en encyklopedi att tacka för upptäckten av Uqbar", skriver Jorge Luis Borges om det dittills okända landet i  "Tlön, Uqbar, Orbis Tertius" som ingår i hans klassiska samling Fiktioner från 1944. Med hjälp av sin litterära uppfinning, den fiktiva essän, skapar Borges en till synes oändligt utförlig text på ett par sidor bara. Borges som i svensk översättning alltid antologiserats sönder presenteras nu på svenska med en av sina originalböcker.   Författaren och kritikern Gabriella Håkansson har skrivit förord till denna utgåva.

All Reviews

10 + 495 in other languages
LauraTLauraT wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Affrontato il mostro sacro e, per la prima volta, almeno in parte, vinto. Vinto nel senso che sono arrivata fino in fondo. MI è piaciuto? No, non posso dirlo. Interessante; mi ha dato alcuni spunti di riflessione e rimandato a milioni di cose, studiate, lette, sentite, ascoltate, in oltre 50 anni di vita. Ma piaciuto no, troppo criptico, troppo complicato. In fondo sono una mente semplice!
BambuBambu wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
3☆1/2
In realta' una rilettura. E credo gli concedero' riletture successive. Molto complesso, intricato di autorimandi, e rimandi letterari e storici, filosofici. E' fiction ma e' allo stesso tempo saggistica e metafisica. Difficile capire i singoli racconti senza conoscere la vita e il pensiero di Borges o senza un commento critico (grazie Adelphi!) che getti qualche lume all'indirizzo di chi brancola nel buio - come me. Ora brancolo un po' meno nelle tenebre vischiose dell'ignoranza, e con pazienza sono sicura che arrivero' a dargli le sue 5 stelline.
mementomihimementomihi wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Irrealtà totale o parziale che genera meraviglia, creazioni di creazioni, inganno che si nasconde dietro volti sfigurati. Non è recensibile in maniera decente (almeno per me). Ma è un'arma per affrontare la costante lotta contro il tempo e lo spazio, quello posso dirlo tranquillamente.
(*)(*)( )( )( )
lillililli wrote a review
Borges mi pare folle, di una follia dotta e geniale verso cui sento istintivamente ammirazione e, se non suonasse cazzuriello, direi affetto. Magari non capisco proprio tutto tutto, ma mi ci abbandono con una sorta di voluttuoso piacere.
FrancescaFrancesca wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Semplicemente...evocativo!
incredulaincredula wrote a review
b2
SofiaSofia wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Un miracolo. Filosofia e arte, fredda logica e magma bollente.
reallynothingreallynothing wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Geometrico.
Fabio Valente Fabio Valente wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
un libro, il mondo
Sono alla quarta lettura. L'universo compresso in un centinaio di pagine. Ogni volta e' una scoperta. Per dirla alla Borges: Salomon saith: There is no new thing upon the carth. So that as Plato had an imagination, that all knowledge was but remembrance; so Salomon giveth his sentence, that all novelty is but oblivion. FRANCIS BACON, Essays, LVIII