Gattoterapia
by Igor Sibaldi, Laura De Tomasi, Serena Daniele
(*)(*)(*)(*)( )(55)
La presenza di un gatto in famiglia non è importante solo per il benefico influsso di un pezzetto di natura selvaggia (o quasi) in casa, per contrastare lo stress o far crescere i bambini in modo più equilibrato. Questo libro mostra i benefici del gatto su autostima e self-control, sullo sviluppo della creatività, dell'attenzione all'ambiente e agli altri "umani", e addirittura sull'accettazione delle gerarchie famigliari. Il volume contiene un contributo di Igor Sibaldi sul "gatto-maestro" dal punto di vista dell'antropologia e della teologia.

All Reviews

10
Artic SwanArtic Swan wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Che dire? Delizioso!
SarieSarie wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un simpatico tributo ad uno degli animali più affascinanti, saggi ed enigmatici che il destino ci ha posto accanto nel lungo viaggio di questa vita terrena.
alby66alby66 wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
E' un libriccino che si legge molto velocemente, ma è talmente ricco di spunti interessanti che mi porta a considerarlo uno dei più bei lavori da me letti negli ultimi due anni. Non ci sono novità travolgenti, solo il riaffermarsi di un concetto a me molto caro:il gatto è un essere illuminato. Io sono cresciuto attorniato dai gatti, giocando nell'aia della casa di campagna dei miei nonni.Ero bambino e percepivo che c'era qualcosa che mi attirava particolarmente in questi stupendi animali ma non coglievo ovviamente la vera essenza della mia profonda passione.L'ho capita da adulto: amo l'anima profondamente anarchica e libertaria del gatto. Adoro la sua fierezza e nobiltà, il suo non concedersi a tutti così per fare. Il gatto lo devi conquistare.E in lui poi troverai anche molte cose da imparare.
pepi66pepi66 wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Un libricino con tanti spunti interessanti, senza voler diventare un "libro maestro di vita" ... Per chi ha già capito che il gatto è il vero padrone di casa e che vale la pena osservarlo ancora di più per poter prendere esempio per vivere meglio.
FrancescaFrancesca wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Per tutti gli amanti dei gatti, ma anche per coloro che non condividono questa passione. Chissà che comprendano cosa passa nella mente di un amante di questi animali!
Joe BassJoe Bass wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Gli esercizi della Gattoterapia :
accettare i nostri difetti e approfittare, <br />con impareggiabile eleganza, dei pregi altrui</p><p>guardare gli altri come il nostro gatto ci guarda :<br />capiremo molto di più del prossimo<br />e ne saremo assai meno turbati</p><p>comunicare in modo più semplice e diretto;<br />se proprio non ci riusciamo, vediamo se il nostro gatto ci può mettere una buona parola</p><p>apprezzare una nuova qualità del tempo: non come un vuoto da riempire, ma come pieno da svuotare
AlinaAlina wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Trovato in casa. Carino, tante cose sono vere, le rivedo nel comportamento della mia gatta...comunque è vero, i gatti sono avanti!
(*)(*)(*)( )( )
Attratta dalla fantastica foto in copertina...
...Non posso dire di esserne rimasta delusa, anzi questo libretto è una piccola chicca di saggezza, spacciata per felina ma invero universale, ed è correlato anche di bellissime foto. Brevi racconti di vite da gatto, divertenti, malinconiche, tenere o crudeli, danno spunto a riflessioni sulla vita, i rapporti umani, la gestione dello stress. Una buona qualità del libro è l'umiltà di non pronunciare verità assolute o smanie di moda new age, ma semplicemente di proporre delle piccole e semplici azioni per provare a migliorare il nostro modo di vita, o anche darci spunti per fermarci un momento a riflettere e pensare a noi stessi ed imparare ad essere felinamente felici. Solo una citazione (a memoria): "Il tempo non è un vuoto da riempire ma un pieno da svuotare"
IblisIblis wrote a review
(*)(*)(*)(*)(*)
Micio-latria!!!
Godurioso... per quanti hanno ormai capito ed accettato la supremazia del proprio amico felino e sono maturi al punto da iniziare ad imparare da lui e dalla sua infinita saggezza, per tutti gli altri bipedi tronfi di sè probabilmente sarebbe solo fastidioso. Questo libretto è un gioiellino per gattofili. Travolta dall'entusiasmo di una parziale rilettura farò lo sforzo (faticare... che cosa scioccamente umana) di riportare un sostanzioso anticipo tratto dal primo capitoletto: "Una delle cose che il gatto palesemente non sa di noi, è che crediamo davvero di essere la vetta più alta e luminosa finora raggiunta dall'Evoluzione naturale -al punto di ritenere che anche Dio sia guarda caso a nostra immagine somiglianza. Il gatto si meraviglierebbe molto se lo sapesse. Già lo deluderebbe molto dal punto di vista filosofico questa nostra idea così angusta che l'Evoluzione abbia una vetta da raggiungere, che lanatura sia così ansiosa e monotona come un trentenne in carriera. Una vetta sola? Come un punto in cima una piramide? E perchè? Perchè non mille, milioni di vette in tutte le direzioni? Oltre alla mente cosciente più complicata (che di certo è dell'uomo) perchè non porre anche la coda più flessuosa, il passo più felpato ed elegante, il miglior colpo d'occhio nel buio, e via dicendo: sarebbero anch'essi traguardi dignitosissimi dell'Evoluzione, se proprio è necessario parlare di traguardi. In secondo luogo, lo sconforterebbe quel campanilismo della specie, d'un tal cattivo gusto! L'umano il più evoluto? Parlando francamente: l'umano? Con le pratiche di divorzio e il patriottismo, le superstizioni e i governi, l'inquinamento e gli ingorghi in città, i tabù, i paurosi vuoti interiori, gli infiniti autoinganni, l'aggressivo terrore della propria felicità? Assurdo. Ed ecco un'alta felicissima e assai piu' beve considerazione: "quando dunque sente dire evoluzionisticamente, di sè o del collega cane -gli manca soltanto la parola-, socchiude gli occhi pensando che sia un'allusione ironico-malinconia al fatto che a noi manca pressochè tutto il resto"
Willa 999Willa 999 wrote a review
(*)(*)(*)( )( )
Fa riflettere, anche se un po' troppo breve per i miei gusti!