Geist maschine vol. 1
by LRNZ
(*)(*)(*)(*)(*)(16)
LRNZ torna al fumetto longform con una trilogia spettacolare, allo stesso tempo naturalistica e tecnologica. Un mondo da (ri)scoprire, una famiglia smembrata da un pericolo incombente, il sogno di raggiungere una città, Otan, che forse è leggenda e forse è realtà, ma in ogni caso significa salvezza. Un viaggio, in un ambiente irriconoscibile eppure familiare, in cui il bagaglio del lettore si fa via via più gravoso man mano che le emozioni si fanno più intense.

ziabice's Review

ziabiceziabice wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Non originalissimo, ma molto bello
L'unico difetto che ho trovato a questo primo volume di «Geist Maschine» è che finisce sul più bello. Per il resto ci troviamo di fronte ad una graphic novel difficile da descrivere senza farle torto.

Vero è che la storia magari non è originalissima (la più classica di bambini in un mondo post-apocalittico che devono recarsi in un posto ritenuto fondamentale), ma il livello dei disegni, il world building, il ritmo serrato sono davvero fuori scala.

Inquadrature particolari, piani sovrapposti, fondali lussureggianti in cui la natura si riprende un mondo in cui è successo qualcosa di devastante: ogni tavola è una festa (post-apocalittica) per gli occhi.

Lo stile di Lrnz mi ha ricordato molto Miyazaki e Moebius, ma declinati come un anime modernissimo, tanto che le vignette sembrano animarsi davanti ai vostri occhi. Veramente bello, c'è poco da stare qui a discutere.

Caldamente consigliato.
ziabiceziabice wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Non originalissimo, ma molto bello
L'unico difetto che ho trovato a questo primo volume di «Geist Maschine» è che finisce sul più bello. Per il resto ci troviamo di fronte ad una graphic novel difficile da descrivere senza farle torto.

Vero è che la storia magari non è originalissima (la più classica di bambini in un mondo post-apocalittico che devono recarsi in un posto ritenuto fondamentale), ma il livello dei disegni, il world building, il ritmo serrato sono davvero fuori scala.

Inquadrature particolari, piani sovrapposti, fondali lussureggianti in cui la natura si riprende un mondo in cui è successo qualcosa di devastante: ogni tavola è una festa (post-apocalittica) per gli occhi.

Lo stile di Lrnz mi ha ricordato molto Miyazaki e Moebius, ma declinati come un anime modernissimo, tanto che le vignette sembrano animarsi davanti ai vostri occhi. Veramente bello, c'è poco da stare qui a discutere.

Caldamente consigliato.