Il canto del crepuscolo
by Helen Humphreys
(*)(*)(*)(*)( )(37)
Nel 1940, James e Rose sono una giovane coppia inglese che la guerra separa subito dopo il matrimonio. Lui, pilota della Raf, viene catturato dai tedeschi e spedito in un campo di concentramento per ufficiali dell'esercito Alleato, mentre lei si ritrova sola in un piccolo villaggio del Sussex, a svolgere il lavoro di sorveglianza per il mantenimento del coprifuoco. Sicuro dell'inutilità dei tentativi di fuga dei compagni di prigionia James combatte la noia della vita del campo studiando una coppia di uccelli, due codirossi, che hanno costruito il nido nelle vicinanze del campo, incoraggiato in questa attività dal Kommandant tedesco. Rose, intanto, costretta a una vita di solitudine, si innamora di un giovane soldato in attesa di partire per il fronte. All'improvviso, però, nella vita di Rose irrompe la sorella del marito, Enid, costretta ad abbandonare Londra dopo un bombardamento tedesco che le ha distrutto la casa. I tre protagonisti sopravviveranno alla guerra, ma le ferite dell'animo saranno molte e difficili da rimarginare.

Maila's Review

MailaMaila wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Vai Helen... ti seguo...
Perché quando ti appassioni a degli autori ci sei, come ci sono loro. E accogli il nuovo libro con la stessa gioia con la quale accoglieresti una loro visita.
Ti trovo in forma Helen... e sai perché? Perché se non ci fosse stato il tuo nome scritto sopra non avrei mai acquistato un libro con una storia simile, e tantomeno con una copertina così terrificante. Invece il tuo modo di scrivere l'ha resa bellissima, questa storia, e vorrei continuare a ringraziarti per la cura con cui scegli le parole. Consapevole, inoltre, di leggere una traduzione.
Bel libro... dopo tanti ancora un altro bel libro. Uno comincia a credere che ci sai fare davvero con la scrittura. Vai Helen, ti seguo.
MailaMaila wrote a review
(*)(*)(*)(*)( )
Vai Helen... ti seguo...
Perché quando ti appassioni a degli autori ci sei, come ci sono loro. E accogli il nuovo libro con la stessa gioia con la quale accoglieresti una loro visita.
Ti trovo in forma Helen... e sai perché? Perché se non ci fosse stato il tuo nome scritto sopra non avrei mai acquistato un libro con una storia simile, e tantomeno con una copertina così terrificante. Invece il tuo modo di scrivere l'ha resa bellissima, questa storia, e vorrei continuare a ringraziarti per la cura con cui scegli le parole. Consapevole, inoltre, di leggere una traduzione.
Bel libro... dopo tanti ancora un altro bel libro. Uno comincia a credere che ci sai fare davvero con la scrittura. Vai Helen, ti seguo.