Il declino dell'uomo by Konrad Lorenz
Il declino dell'uomo by Konrad Lorenz

Il declino dell'uomo

by Konrad Lorenz

Translated by A. Casalegno
(*)(*)(*)(*)( )(80)
4Reviews0Quotations1Note
Description
“In questo momento le prospettive dell’umanità sono straordinariamente cupe. È molto probabile
che essa stia per commettere, con le armi nucleari che possiede, un suicidio rapido ma tutt’altro che indolore.” L’uomo non è esposto soltanto alla minaccia dell’olocausto nucleare o ai pericoli che nascono dall’inquinamento e dalla distruzione dell’ambiente: c’è una malattia più sottile che lo insidia, ed è il declino delle sue qualità più specificamente umane.
Le cause profonde di questa malattia e i possibili rimedi sono il tema del nuovo libro di Konrad Lorenz. Al crocevia fra discipline diverse, le riflessioni del fondatore dell’etologia sono destinate ad approfondire la discussione aperta dalle sue precedenti, notissime opere “filosofiche”, quali L’altra faccia dello specchio, Gli otto peccati capitali della nostra civiltà e Il cosiddetto male. La polemica di Lorenz è esplicita e investe mentalità diffuse, come gli eccessi dello scientismo, scuole di pensiero quali il comportamentismo americano, e concrete realtà sociologiche quali il dominio della monocultura tecnocratica, identica ovunque, e la concentrazione del potere effettivo nelle mani di pochi grandi gruppi industriali.
Nell’ultima parte del libro Lorenz enuncia le proposte della sua terapia, l’urgenza di risvegliare la sensibilità per i valori, per la bontà, per la bellezza, attraverso il gioco, l’arte, lo stretto contatto con l’armonia della natura vivente. Ancora una volta la voce di Lorenz, chiara e forte, è di quelle che non si possono ignorare.

Konrad Lorenz, Premio Nobel per la medicina e la psicologia, è nato a Vienna nel 1903. Dopo gli studi è diventato, nel 1940, ordinario di psicologia comparata a Kònigsberg; nel 1949 ha fondato l’istituto di ricerca comparata sul comportamento, ad Aitenberg (Vienna). Dal 1961 al 1973 ha diretto la sezione di fisiologia del comportamento all’istituto Max Planck a Seewiesen, Baviera; dal 1974 è direttore del dipartimento di sociologia animale presso l’Accademia austriaca delle scienze.

Loading...